Aumentare la flessibilità

Per prevenire gli infortuni

Moderatori: davide1977, Albertozan, franchino

Aumentare la flessibilità

Messaggioda microcontrasto » 14 mag 2012, 21:59

Voglio affrontare con voi questo mio problema che è solo parzialmente legato alla corsa, ho una flessibilità ridicola, a parte non toccarmi le punte dei piedi, in molti altri movimenti sono clamorosamente legato. Da qualche mese sto facendo delle sedute di RPG (Riabilitazione Posturale Globale) dal fisioterapista che mi hanno dato grande beneficio facendomi uscire da un periodo di irrigidimento acuto, mi svegliavo a pezzi già la mattina. La terapia la trovo ottima, ma vorrei inserire nella mia routine settimanale qualche attività per essere più sciolto, anche perchè da un lato il fisio costa e non posso continuare ad andarci in eterno, dall'altro il problema è strutturale perchè io qualsiasi stress lo somatizzo con l'irrigidimento muscolare.

Avevo pensato di iscrivermi in qualche palestra per fare Pilates (o Tai Chi?) che pare una delle attività che meglio si coniugano con la corsa, per ora però vorrei provare a fare del banale stretching, solo che in casa vorrei capire se posso farlo a freddo o meno.
It's a Long Way to the Top, If You Wanna Rock 'n' Roll!
Avatar utente
microcontrasto
Aspirante Maratoneta
 
Messaggi: 177
Iscritto il: 18 mar 2012, 12:32
Località: Diamante (CS) / Firenze

Re: Aumentare la flessibilità

Messaggioda SPEEDAGILITY » 28 giu 2012, 12:50

Salve,
molte persone che per migliorare la flessibilità non hanno avuto successo con programmi generici di stretching si sono trovati invece bene introducendo l'auto- rilascio miofasciale nei loro programmi, una sorta di automassaggio che si puo' eseguire facilmente a domicilio con semplici articoli come il foamroller, palle o altro.
Un amico personal trainer negli u.s.a. che propone con la sua attività molti esercizi tramite bande elastiche, mi ha passato alcuni test effettuati su suoi allievi.
Alcuni di loro che avevano particolari problemi di rigidità, non ottenevano risultati con i suoi metodi standard. Introducendo anche la compressione dei tessuti tramite esercizi con il foamroller in quattro settimane ha raggiunto risultati apprezzabili. Il motivo è presto spiegato: non siamo fatti di soli muscoli ed ossa. Gli strati di fasce che avvolgono,proteggono, danno coesione ad ossa,organi,muscoli, non rispondono all'allungamento allo stesso modo dei muscoli. La struttura del materiale che compone la fascia, vista al microscopio, è diversa da quella del muscolo.
Credo che chiunque pratichi sport dovrebbe iniziare ad informarsi e studiare cosa sia la fascia e come interviene nel gesto motorio (in rete si possono trovare molti siti che ne parlano)

Un semplicissimo esercizio che può liberare la zona dei polpacci da tensioni e rigidità lo si può eseguire utilizzando un semplice paletto circolare in legno lungo circa 60-80cm di diametro 4 cm.
Non è un esercizio adatto a tutti ed in ogni caso non deve essere eseguito da persone che hanno problemi seri, o soffrono di qualche patologia o in trattamento con farmaci particolari.
Chiedere sempre al fisioterapista o medico di fiducia in caso di dubbio o prima di iniziare l'attività. Chi prova lo fa a suo rischio.

Ci si inginocchia sopra un materassino appoggiando i glutei sui talloni, ci si alza leggermente e si posiziona il paletto a metà dei polpacci , perpendicolare agli stessi. Lentamente ci si rimette seduti sui talloni ed afferrando il paletto con le mani alle sue estremità si eseguono lenti movimenti di ondulazione con il corpo cercando di spostare il paletto poco alla volta fino sopra il tendine di achille. Poi si riparte dal centro ed allo stesso modo si va verso le ginocchia. Si parte dal centro per un motivo ben preciso, infatti in questo modo le estremità iniziano da subito a distendersi. Fatta la prima serie si può passare ad un paletto di diametro 5cm.
E' più semplice a farsi che a spiegare.
E' un esercizio molto efficace; la pressione sui polpacci è particolarmente sostenuta. Se ci sono zone contratte può far male. In tal caso iniziare con un paletto di diametro inferiore.
La sensazione che si avverte alla fine è una completa distensione, liberazione, leggerezza della zona trattata. Il risultato coinvolge sicuramente anche altre zone come caviglie e ginocchia.

Anche per quanto riguarda gli esercizi con i Foamroller in rete c'è molta documentazione e video.
Spero di essere stato utile.
SPEEDAGILITY
Novellino
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 28 giu 2012, 11:30
Località: Vittorio Veneto


Torna a Potenziamento e stretching

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite