Migliorarsi in salita

Consigli, suggerimenti, discussioni generiche

Moderatori: gambacorta, franchino, Doriano, fujiko

Rispondi
Avatar utente
Sander666
Mezzofondista
Messaggi: 146
Iscritto il: 10 ago 2013, 7:43
Località: Valtellina

Migliorarsi in salita

Messaggio da Sander666 » 8 nov 2016, 7:20

Buongiorno a tutti.
Con il Valtellina Wine Trail da 42km di sabato scorso, ho concluso una bella stagione di corsa, molto intensa, quasi esclusivamente dedicata a corse brevi in montagna, trail e skyrace. Solo una breve gara su strada di 5 km organizzata dal mio gruppo sportivo.
Sono molto soddisfatto di come è andata e, rispetto agli anni scorsi, ho fatto un gran passo in avanti sui tratti di falso piano e i cambi di ritmo. Mi manca proprio un po' (o forse tanta?) di forza per affrontare i tratti di salita ripida.
Cosa fare? Leggendo qua e là mi pare di capire che un ottimo allenamento siano le ripetute brevi in salita fatte nel periodo di preparazione invernale. Confermate? Ci sono altri lavori specifici per migliorare questa fase?
PB
Maratona: 3h26'37" (08/04/2018 - Milano)
1/2 Maratona: 1h29'26" (11/03/2018 - Brescia)
10k: 42'15" (25/04/2018 - Morbegno)
Km verticale: 50'10" (11/10/2015 - Chiavenna-Lagunc)
Avatar utente
fedroillupo
Maratoneta
Messaggi: 491
Iscritto il: 12 feb 2014, 17:59

Re: Migliorarsi in salita

Messaggio da fedroillupo » 8 ago 2018, 22:46

Posto qui per non creare titoli uguali anche se il dubbio che ho è diverso da quello di Sander.
Dopo un infortunio lo scorso giugno ho ripreso a correre a marzo distanze lunghe a ritmi blandi fino a arrivare al passatore a maggio.
Poi un po' per il caldo un po' per staccare mi sono dedicato a fare più brevi (7/21km ) di un circuito della mia zona.
Ora, nonostante tutto, non direi proprio che stia andando male.
Mi piazzo sempre o quasi tra i primi 10/20 e 1/5 di categoria ma...
In salita sono troppo lento.
Se la gara parte in discesa asfaltata e non ripidissima (a causa dell'infortunio ho perso molta reattività) sto con i primissimi ma come la strada inizia a salire (e nemmeno di molto) pian piano ma inesorabilmente continuano a sfilarmi davanti gli altri corridori.
Viceversa, se alla fine trovo un tratto in pianura o discesa, piano piano ma inesorabilmente, continuo a raggiungere e sorpassare quello delle posizioni davanti (quindi non credo si tratti di partenze troppo forti).
Se guardo il tracciato del cardio è piatto senza picchi o cali improvvisi intorno ai 150/155.
A cosa può essere dovuto questo calo in salita (anche di pochi gradi)?
Cosa posso fare per porvi rimedio?
Grazie
12:27:45 - 100km: Passatore- 27-28/05/2017
2:58:25 -42,194km: Maratona San Valentino Terni 19/02/2017
1.23.46 - 21,097km : Fiumicino Half Marathon 13/11/2016
0.37.30 - 10km: Maratonina di Natale 2014 di Orbetello - 14/12/2014
Avatar utente
franchino
Moderatore
Utente donatore
Messaggi: 8143
Iscritto il: 14 gen 2008, 11:36
Località: Turin
Contatta:

Re: Migliorarsi in salita

Messaggio da franchino » 9 ago 2018, 19:01

per correre in salita usiamo più forza, già solo per vincere la forza di gravità. per migliorare bisogna quindi andarla ad allenare sia a carico naturale con sprint corti e salite lunghe o con semplici esercizi di potenziamento sia per quadricipiti (es. squat) che per gli ischiocrurali (es. stacchi).
Io quest'anno mi sono trovato particolarmente bene durante la preparazione per il giro a tappe in val di fassa inserendo un circuito collinare di circa due chilometri che comprendeva una lunga scalinata (circa 270 scalini) a cui seguiva una salita di media pendenza per poi scendere prima su discesa ripida e poi più morbida.
Rispondi

Torna a “Allenamento e tecnica”