[Diario] Road to UltraTrail

Racconta le tue storie di passione & sudore

Moderatori: Doriano, elisa udine, Andybike

Rispondi
Avatar utente
dragonady
Ultramaratoneta
Messaggi: 1092
Iscritto il: 29 gen 2013, 11:14
Località: -VR-

Re: [Diario] Road to UltraTrail

Messaggio da dragonady » 9 ago 2019, 19:04

Ciao Victor! (@Gaietta chi è sto dragonfly?!?!!)
So che è presto per le due gare citate, ma io ho la memoria corta quindi prima di rimuovere te le accenno!
- Dolomiti eXtreme Trail: ho fatto la 55km (in realtà sono 57 e lo dicono tutti!) è ovviamente molto bella, tuttavia spesso tagliano la punta "busa del zuiton" (ovvero il Tivan) a causa di condizioni sfavorevoli, quindi io quella parte non la conosco. Per il resto è davvero una gara dura (se trovi extreme nel nome stai certo che è dura!), ma non ha tratti di elevato pericolo, segnalo solo una discesa ripida con fune a cui aggrapparsi. Si corre sul gruppo del Civetta e del Pelmo, che è bellissimo! Gara internazionale ed è bello vedere il paesino (Forno di Zoldo) pieno di trail runners nei giorni di gara, organizzazione ottima e anche i servizi sul percorso davvero eccellenti. E' un bel trail, qui vai sul sicuro, ma cresce ogni anno e se deciderai di farlo ti conviene prenotare tutto per tempo, diciamo tempo ultimo gennaio ma meglio prima. @gamba l'ha fatto 5 volte nelle varie lunghezze, quindi oltre farti capire che merita, lui saprà dirti più di me.
- Rosengarten: 45km 2980d+ precisi! Tutta la logistica e l'arrivo sono a Tires, la partenza è a San Cipriano che è a 5 minuti di navetta, tutto vicinissimo a Bolzano comunque. Questo trail è molto meno noto, limite iscritti 500 totali in entrambe le gare, ma considera che io mi sono iscritto il giovedì per il sabato. Anche qui la logistica è ottima, ci sono un sacco di ristori/punti acqua, non ho mai riempito le borracce. Gruppo del Catinaccio, ecco questa corsa è quella che mi è piaciuta di più, perché dopo la prima salita di 10/12km si arriva a quota 2200m e per circa 25km si è sempre oltre 2200m fino a 2600m (in due punti) con panorami davvero bellissimi. Anche questa è molto dura e senza tratti troppo pericolosi. Da segnalare la dicitura sul sito "no asphalt" quest'anno hanno modificato qualche km finale per dei problemi e abbiamo dovuto attraversare una strada, hanno pensato bene di posare un tappeto di erba naturale per mantenere fede alla parola data, piccola cosa ma fa capire quanto ci tengono.

E' difficile dare un consiglio, io personalmente rifarei più volentieri la Rosengarten, mi è piaciuta di più, anche se probabilmente le rifarò entrambe, chissà! Di certo c'è che non si sbaglia con nessuna delle due, se c'è bel tempo sono corse memorabili. Scusa se ho scritto troppo, tu intanto studia le varie possibilità!
"...Se saprai confrontarti con Trionfo e Rovina
E trattare allo stesso modo questi due impostori..."
Avatar utente
victor76
Top Runner
Utente donatore
Messaggi: 9719
Iscritto il: 5 mag 2010, 17:57
Località: Cosenza

Re: [Diario] Road to UltraTrail

Messaggio da victor76 » 10 ago 2019, 15:26

Ti ringrazio tantissimo per le spiegazioni, Dragonfl... Ehm Dragonady :mrgreen:
Terrò in considerazione entrambe le gare :beer:
5 km: 21'20'' (4'16''/km) ---10 km: 43'54'' (4'23''/km)
21 km: 1h35'52'' (4'31''/km) --- 30 km: 2h39'18'' (5'17''/km)
42 km: 4h07'29'' (5'52''/km)
--- 6 ore: 48,913 km (7'22''/km)

Visita il mio Sito e leggi il mio Diario
Avatar utente
percefal
Aspirante Ultramaratoneta
Utente donatore
Messaggi: 702
Iscritto il: 21 ago 2011, 17:37
Località: Esslingen am Neckar (BW)

Re: [Diario] Road to UltraTrail

Messaggio da percefal » 10 ago 2019, 17:42

Respect
Adidas SuperNova ST + RunMeter su Apple Watch
Diario: Alla conquista di Stuttgart!
Avatar utente
victor76
Top Runner
Utente donatore
Messaggi: 9719
Iscritto il: 5 mag 2010, 17:57
Località: Cosenza

Re: [Diario] Road to UltraTrail

Messaggio da victor76 » 10 ago 2019, 19:09

:beer:
5 km: 21'20'' (4'16''/km) ---10 km: 43'54'' (4'23''/km)
21 km: 1h35'52'' (4'31''/km) --- 30 km: 2h39'18'' (5'17''/km)
42 km: 4h07'29'' (5'52''/km)
--- 6 ore: 48,913 km (7'22''/km)

Visita il mio Sito e leggi il mio Diario
Avatar utente
victor76
Top Runner
Utente donatore
Messaggi: 9719
Iscritto il: 5 mag 2010, 17:57
Località: Cosenza

Re: [Diario] Road to UltraTrail

Messaggio da victor76 » 16 set 2019, 18:52

Aggiorno dopo un po' di tempo il diario...
Dopo Curinga e, soprattutto, dopo il dolore al piede, ho fatto pochissimi e brevi allenamenti... Il dolore è via via diminuito sino a diventare prima un fastidio e poi scomparire del tutto. Così qualche giorno prima delle scadenza delle iscrizioni, mi accingo a fine agosto a partecipare per il secondo anno consecutivo al Trofeo dei Pini Loricati, in pieno Parco Nazionale del Pollino.
Ecco il racconto:
Dopo la bella esperienza del 2018, inserisco anche quest'anno il Trofeo dei pini loricati nel mio programma annuale delle gare da non perdere.
Al contrario dello scorso anno però non ci arrivo proprio benissimo. Dopo Cortina a fine giugno mi sono allenato poco e male a causa della tosse persistente. Poi con poca preparazione ho fatto Curinga, che è andata pure bene, ma ne sono uscito con un dolore al piede sinistro che mi ha fatto correre ancora meno di prima. Ero addirittura anche indeciso se iscrivermi o meno alla gara, ma visto che negli ultimi due allenamenti pre gara (di soli 8 km cadauno) il dolore al piede non era comparso, avevo proceduto all'iscrizione.
Gli iscritti alla gara sono 300, record assoluto della competizione che è in forte crescita dopo gli 80 iscritti del 2017 e i 180 del 2018.
Parto da casa alle 6:10 e arrivo in zona gara dopo quasi 3 ore. Se la partenza non fosse programmata alle 9:45 mi toccherebbe dormire sul posto tanto è lontano Terranova di Pollino da casa mia.
Una volta arrivato a qualche centinaio di metri dalla zona parcheggio, capisco però che i 300 iscritti forse sono un po' troppi da gestire per le infrastrutture locali. Essendo il parcheggio già pieno, gli organizzatori fanno parcheggiare me e le altre macchine bloccate nell'ingorgo a lato strada, lasciando solo lo spazio per il passaggio di un'auto.
Sapendo la distanza da lì alla zona partenza, stavolta vado preparato. Mi prendo già le cose da indossare per la gara e con lo zaino in spalla mi avvio.
Qui mi dirigo nel locale di ritiro pettorale/pacco gara, che non è più dentro il rifugio ma in una struttura adiacente, e mi cambio perchè l'orario di partenza è vicino.
Lascio lo zaino col mio cambio davanti al rifugio, come già fatto lo scorso anno e sempre fiducioso che nessuno toccherà niente.
Mi inizio a riscaldare e non sento fastidio al piede, anche se so già che di solito il problema compare dopo un certo numero di chilometri, quindi resto sempre dubbioso sulla tenuta.
Terminato il breve riscaldamento mi dirigo in zona partenza e saluto gli amici Marco e Valentina. Come lo scorso anno al sole fa molto caldo tant'è che mi dispiace non aver indossato il cappello. All'ombra invece c'è una piacevolissima temperatura di 16°C.
Nel frattempo arriva la notizia che la partenza è rimandata alle 10 per attendere degli atleti che hanno sbagliato strada e sono in ritardo. Alle 10 il tempo viene prolungato di altri 5 minuti e poi finalmente alle 10:05 si parte, con qualche malumore tra gli atleti che avrebbero gradito una partenza puntuale dopo l'alzataccia.
Parto come al solito piano, col ricordo dell'anno precedente in cui arrivato negli ultimi km di discesa non riuscivo a spingere come avrei voluto a causa delle gambe troppo stanche.
Nei primi 3,5 km il percorso abbastanza facile in quanto caratterizzato dall'alternanza di tratti in piano e in discesa, con qualche lieve salita nel mezzo. Faccio questo tratto con molta calma in modo sia da conserve le energie per dopo sia per non sforzare troppo il piede.
A seguire 1,5 km di salita con quasi 200 m di dislivello che faccio quasi tutti camminando e in fila indiana su single track. E' molto difficile sorpassare o essere superati in questo tratto e la velocità imposta dal gruppo è molto bassa.
I successivi 4 km si corrono invece quasi sempre nel sottobosco, prima su un terreno morbido e facile mentre alla fine il fondo diventa pietroso e tecnico, a tratti anche molto scivoloso nonostante il poco fango presente. Corro bene il tratto iniziale mentre alla fine, saltellando tra le pietre, inizio a sentire fastidio al piede.
Dal 9° km inizia la salita che conduce ad una delle vette del massiccio del Pollino: 3 km di salita che portano da Piano Iannace a quota 1.650 a Serrette delle Porticelle situtata a quota 1.984 m.
Il piede inizia a farmi male e faccio quasi tutto il tratto camminando. Nonostante il camminare supero qualche atleta ma vengo superato da qualcun altro.
Usciti dal bosco e arrivati ai piani subito incontro una caratteristica mandria di mucche al pascolo, mentre dopo un po' è il turno di un branco di stupendi cavalli selvatici.
Il sole cocente della partenza ha lasciato il posto ad un cielo scuro e minaccioso che appena metto piede sulla cresta si trasforma in pioggia.
Da qui in avanti è al 90% discesa verso il traguardo, inizialmente tecnica e poi abbastanza facile se non fosse per l'acquazzone presente che ha creato qualche zona abbastanza scivolosa e pericolosa. Io sono coperto dal folto bosco ma sentendo i tuoni sulla mia testa penso al pericolo che possono correre gli atleti che stanno arrivando o arriveranno sulla cresta esposta...
Purtroppo il piede mi limita abbastanza nello spingere ed è un peccato perchè le gambe le sento bene...
Chiudo la gara riuscendo a recuperare solo uno dei 3 atleti che mi sono stati davanti nella discesa, ma almeno staccando quelli che mi erano dietro.
Il tempo finale è di solo 1 secondo più veloce del 2018, ma senza il dolore al piede avrei potuto limare qualche altra cosina...
E ora spero di riuscire a fermarmi un po' dalla corsa in modo da recuperare dal problema del piede e poi in autunno corricchiare e iniziare a programmare la stagione 2020.


La settimana dopo questa gara, per il persistere del dolore, ho deciso di fermarmi completamente dalla corsa e così è stato per 8 giorni.
Il dolore sembrava scomparso, ma quando ho ripreso ad allenarmi eccolo ricomparire. E ancora prima del solito...
Qualche altra corsetta leggera e il dolore è migliorato di nuovo tant'è che stamattina sono riuscito a fare ben 10 km senza dolori o fastidi.
Il problema credo sia ancora presente e devo fare molta attenzione a non esagerare e ripeggiorare, ma voglio arrivare a corricchiare almeno fino al 6 ottobre, data in cui si corre la gara organizzata dalla mia società!
5 km: 21'20'' (4'16''/km) ---10 km: 43'54'' (4'23''/km)
21 km: 1h35'52'' (4'31''/km) --- 30 km: 2h39'18'' (5'17''/km)
42 km: 4h07'29'' (5'52''/km)
--- 6 ore: 48,913 km (7'22''/km)

Visita il mio Sito e leggi il mio Diario
Avatar utente
percefal
Aspirante Ultramaratoneta
Utente donatore
Messaggi: 702
Iscritto il: 21 ago 2011, 17:37
Località: Esslingen am Neckar (BW)

Re: [Diario] Road to UltraTrail

Messaggio da percefal » 17 set 2019, 5:42

Dal medico non sei andato?
Adidas SuperNova ST + RunMeter su Apple Watch
Diario: Alla conquista di Stuttgart!
Avatar utente
victor76
Top Runner
Utente donatore
Messaggi: 9719
Iscritto il: 5 mag 2010, 17:57
Località: Cosenza

Re: [Diario] Road to UltraTrail

Messaggio da victor76 » 17 set 2019, 8:32

Non ancora... temporeggio e nel frattempo spero passi da solo :emb:
5 km: 21'20'' (4'16''/km) ---10 km: 43'54'' (4'23''/km)
21 km: 1h35'52'' (4'31''/km) --- 30 km: 2h39'18'' (5'17''/km)
42 km: 4h07'29'' (5'52''/km)
--- 6 ore: 48,913 km (7'22''/km)

Visita il mio Sito e leggi il mio Diario
Avatar utente
Gaietta
Ultramaratoneta
Utente donatore
Messaggi: 1323
Iscritto il: 20 set 2017, 12:07
Località: Bologna

Re: [Diario] Road to UltraTrail

Messaggio da Gaietta » 17 set 2019, 13:49

mmm io inizierei a pensare seriamente di andare, è da troppo tempo che te lo trascini dietro...
AT 90 - Trail del Cinghiale 60 - aspettando il 2020 :cheerleader:
Avatar utente
victor76
Top Runner
Utente donatore
Messaggi: 9719
Iscritto il: 5 mag 2010, 17:57
Località: Cosenza

Re: [Diario] Road to UltraTrail

Messaggio da victor76 » 17 set 2019, 15:33

Si, Gaietta... tu hai ragione. Ma sto aspettando che ci sia la gara societaria e poi lo farò davvero il controllo.
Non voglio perdermi la manifestazione di casa... poi avrò tutto il tempo per recuperare perchè non ho alcun obiettivo per fine anno. E ancora nemmeno per il prossimo di anno!
5 km: 21'20'' (4'16''/km) ---10 km: 43'54'' (4'23''/km)
21 km: 1h35'52'' (4'31''/km) --- 30 km: 2h39'18'' (5'17''/km)
42 km: 4h07'29'' (5'52''/km)
--- 6 ore: 48,913 km (7'22''/km)

Visita il mio Sito e leggi il mio Diario
Avatar utente
victor76
Top Runner
Utente donatore
Messaggi: 9719
Iscritto il: 5 mag 2010, 17:57
Località: Cosenza

Re: [Diario] Road to UltraTrail

Messaggio da victor76 » 18 set 2019, 9:07

Vediamo se riesco ad aggiornare più spesso questo diario, pur non avendo ancora un obiettivo podistico particolare per i prossimi mesi...
Stamattina ho fatto la seconda uscita settimanale. Dopo la nottata precedente avrei forse dovuto riposare un po' di più ma devo darmi una mossa perchè sto correndo davvero pochissimo da luglio a seguire.
La sveglia ha suonato alle 5:45 ma ci ho messo un bel po' a carburare, tant'è che ero pronto in strada solo alle 6:10.
Partendo dieci minuti più tardi di lunedì scorso c'era meno buio fuori, tant'è che la frontale che mi ero portato non l'ho neanche accesa.
Parto per fare i soliti 45-50' di corsa lenta collinare, ma dopo neanche un chilometro sento qualche fastidio al solito piede. Mentre già penso a quando arriverà il dolore, il fastidio sparisce completamente.
Decido quindi di testare il piede per bene e dopo i primi 5 km accelero con l'intenzione di fare 4 km più veloci.
Li corro poco sopra i 4'50''/km, che per me è un ritmo stratosferico attualmente, e non avverto alcun fastidio al piede, nonostante i vari saliscendi.
E ora la voglia di ricominciare a fare trail in montagna è alta, ma ho un po' di timore a farmi male nuovamente correndo su percorsi dissestati e con forti salite/discese.
Il weekend è ancora lontano, nei prossimi giorni deciderò che fare.
5 km: 21'20'' (4'16''/km) ---10 km: 43'54'' (4'23''/km)
21 km: 1h35'52'' (4'31''/km) --- 30 km: 2h39'18'' (5'17''/km)
42 km: 4h07'29'' (5'52''/km)
--- 6 ore: 48,913 km (7'22''/km)

Visita il mio Sito e leggi il mio Diario
Rispondi

Torna a “Storie di corsa”