[Diario] Io corro aerobico (2) e penso cardiocentrico

Racconta le tue storie di passione & sudore

Moderatori: Doriano, elisa udine, Andybike

Rispondi
Avatar utente
SteVa72
Guru
Messaggi: 4345
Iscritto il: 23 apr 2014, 15:10
Località: Fra Varese e Como

[Diario] Io corro aerobico (2) e penso cardiocentrico

Messaggio da SteVa72 » 8 mar 2016, 11:47

Eccoci qui al secondo capitolo di questo Diario vagamente suo generis.

La cosa più evidente di questa "seconda parte" è ovviamente il parziale cambiamento del titolo. Visto come si sono sviluppate le prime 302 pagine ho pensato fosse in effetti giusto aggiungere un accenno a quello che è diventato comunque un argomento di confronto piuttosto ampio e che va oltre al mio personale "correre aerobico". E ho deciso quindi di mettercelo nel titolo.

Questo "azzeramento" potrebbe anche aiutare a recuperare il discorso per tutti coloro che sono stati travolti dalle fasi iniziali della prima parte (dove ci sono stati giorni da 10 pagine di interventi) o che non lo hanno intercettato all'inizio e, pur essendo magari interessati all'argomento e avendo anche da portare la propria esperienza, si sono sentiti frenati dall'indubbia mole di parole che andavano "recuperate". Poi c'è chi non lo ha mai letto.

Come prima cosa mi pare giusto mettere il link alla prima parte (man mano andrà a perdersi nelle pagine del forum dato che è chiusa):
http://www.runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=43189

Il primo post della prima parte fa il riassunto del perchè sono arrivato a correre in questo modo e delle mie varie vicissitudini passate. Mi sembra inutile quindi recuperare integralmente la cosa in nuovo post. Chi avesse questa curiosità lo trova al post n°1 quindi è facile.
Chi non ne avesse poi tutta questa voglia, ma vuole leggere lo stesso, può accontentarsi quindi di poche righe:
Ho iniziato a correre a fine marzo 2014 per perdere peso (115 kg circa). Dopo 1 anno praticamente esatto ho corso la Stramilano (96 kg circa) in poco meno di due ore e altre garette varie entro i 21 km di distanza massima. Proprio mentre stavo iniziando a correre decentemente (50.04 sui 10km) ho avuto un brutto episodio si tachicardia ventricolare sostenuta (250 battiti al minuto) interrotta al pronto soccorso con il defibrillatore. La causa di questa cosa è tutt'ora sconosciuta, ma non è stato uno sforzo particolare durante la corsa. Mi sono fatto 2 giorni in terapia intensiva coronarica e altri giorni in reparto per essere rivoltato come un calzino senza trovare la causa certa di quanto accaduto.
Ho ripreso a correre quindi con una indicazione precisa: stare al di sotto della soglia aerobica. Avevo fatto un test ematico del lattato e so quindi che la mia soglia aerobica dovrebbe essere a 146 battiti. Da allora mi sono dedicato alla teoria cercando di capire qualche cosa in più della fisiologia della corsa e del funzionamento in particolare dell'apparato cardio circolatorio. Ho quindi iniziato a correre con fc molto basse cercando altrove le motivazioni. Ora corro praticamente tutti i giorni e in questo diario tengo la traccia di cosa faccio, di come lo faccio, di perchè lo faccio e, nei limiti dei miei vincoli, di che risultati ottengo.

Da questo è uscito un approfondimento della corsa più in generale di cui mi piace parlare con chi ne ha voglia. Mi piace quindi anche parlare di cose che poi io in realtà non posso fare, come un allenamento completo per la corsa. Perchè io non faccio alcun allenamento completo, ma mi devo limitare agli aspetti legati alla corsa a frequenze cardiache basse.

Proprio per questo voglio mettere in chiaro qualche punto, in modo tale da evitare, per quanto possibile, di incastrarci in discorsi diciamo di "metodo" che credo interessino poi poco o nulla:

1) Ho aperto un Diario. Quindi parto dalle mie esperienze. Non mi sono neppure sognato di aprire un thread in "tecnica" perchè non sono un tecnico. non sono un allenatore, non sono neppure un runner vero e proprio, non sono un preparatore atletico e neppure un medico (dal generico al cardiologo). E' quindi chiaro che non pretenda di spiegare o di innovare il mondo della corsa e neppure di fare "adepti".

2) Mi piace molto approfondire. Quindi mi sono letto credo molte fonti (anche perchè la corsa non ha poi sto enorme bagaglio tecnico dietro) sia italiane che straniere. Nei limiti di una persona che non ha preparazione scientifica specifica ho provato anche a capire "come funziona" leggendo articoli più scientifici. Se dico una cosa comunque è perchè l'ho letta e non perchè sia una mia creazione. Magari poi l'ho letta male eh, ma non pretendo certo di dirla io come fosse una mia scoperta. Quindi succede che io in realtà non capisca e non sappia tutti i perchè di una cosa, ma che la prenda per buona perchè per ciò che ho visto è sufficientemente "accettata".

3) Fra i vari autori che ho letto ho preso la fissa di Arcelli. Perchè lui? Perchè sono di Varese (dove abitava), perchè ho avuto occasione di sfiorarlo (per lavoro mi occupo anche di calcio professionistico e lui era consulente di una società di cui io ero il legale), perchè una mia ex compagna di liceo ora medico dello sport (che peraltro mi segue) dirige il centro medico sportivo che lui usava per raccogliere i dati, ma soprattutto perchè preferisco le posizioni e le opinioni di una persona che ha insegnato queste cose all'università di Milano per anni e che ha dalla sua l'aver dedicato la vita alla preparazione fisica negli sport con indubbi risultati (decine di medaglie olimpiche, il record dell'ora di Moser, il Milan di Sacchi etc). Quindi sappiate che io parto dal concetto che una cosa detta da Arcelli ha più valore di una cosa detta da Pinco Pallo. Si può non essere d'accordo ovviamente, ma questa è la mia impostazione. Potete ovviamente criticarla, ma non pretendiate che la modifichi ;-)

4) Fatte le premesse dei punti precedenti per ciò che mi riguarda chiunque può dire la sua anche insistendo, io non la prendo certo dal punto di personale (sempre che personale non diventi ecco). Quindi nessuno si senta in difficoltà anche a criticare continuamente il mio approccio. Molte cose le ho "affinate" proprio in questo modo. Contemporaneamente chiunque può dire la sua anche se avesse iniziato a correre...domani (quindi anche chi deve ancora iniziare). Insomma non ci sono grossi limiti se non il buon senso. Come del resto se si aprono degli spin off anche non esattamente tecnici non ci vedo nulla di male, del resto è un Diario non una discussione tecnica. Quindi ben vengano anche i moderati OT di contorno magari a sfondo mangereccio o godereccio in generale.

Come secondo post di questa seconda parte poi vorrei mettere alcuni punti più concreti sul come mi alleno in modo tale che se qualcuno voglia prendere spunto possa farlo anche senza leggere ogni pagina. Anche se credo che questo secondo capitolo sarà più "lento" e quindi relativamente più facile da seguire.
O magari non se lo segue proprio nessuno e a quel punto sarà ancora più ordinato ;-)

Mi pare sia tutto...ora posso ricominciare. Mi riservo solo il post due in modo tale da mettere quello che dicevo con calma (lo editerò in giornata).

In generale...intanto ringrazio ovviamente tutti quelli che partecipano perchè se mi è venuta voglia di trovare una via diversa alla corsa e di seguirla con costanza è anche perchè c'è questo forum che da continui spunti e spinte.
Correre fa bene (cit.)

Il mio Diario Io corro aerobico
http://www.runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=43189

Ora c'è il secondo capitolo Io corro aerobico e penso cardiocentrico
http://www.runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=44948
Avatar utente
SteVa72
Guru
Messaggi: 4345
Iscritto il: 23 apr 2014, 15:10
Località: Fra Varese e Como

Re: [Diario] Io corro aerobico (2) e penso cardiocentrico

Messaggio da SteVa72 » 8 mar 2016, 11:48

Post riservato per allenamenti che edito in giornata :-)
Correre fa bene (cit.)

Il mio Diario Io corro aerobico
http://www.runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=43189

Ora c'è il secondo capitolo Io corro aerobico e penso cardiocentrico
http://www.runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=44948
Avatar utente
follisal
Guru
Messaggi: 2794
Iscritto il: 17 dic 2012, 14:19

Re: [Diario] Io corro aerobico (2) e penso cardiocentrico

Messaggio da follisal » 8 mar 2016, 12:09

bravo Steva seguo sempre
Avatar utente
francescone
Guru
Messaggi: 4731
Iscritto il: 16 apr 2014, 12:25
Località: Salento-Chiavenna

Re: [Diario] Io corro aerobico (2) e penso cardiocentrico

Messaggio da francescone » 8 mar 2016, 12:11

pure io nonostante la tua prolissità quasi manzoniana :mrgreen:
PB 10k: 39'44" (Parabita 22.08.2015)
PB 21.1k: 1h 28'28'' (Sentiero Valtellina 27.09.2015)
PB 42.2k: 3h 24'03'' (Lucca Marathon 25/10/2015)
Avatar utente
Marcos
Top Runner
Messaggi: 8639
Iscritto il: 17 nov 2012, 13:53
Località: BG

Re: [Diario] Io corro aerobico (2) e penso cardiocentrico

Messaggio da Marcos » 8 mar 2016, 12:28

SteVa72 ha scritto: Quindi mi sono letto credo molte fonti (anche perchè la corsa non ha poi sto enorme bagaglio tecnico dietro)
Scusa ma questa te la contesto di brutto. 8)
PB
21k 1h22’25” (Brescia Half Marathon 10/03/19)
42k 3h04’42” (Maratona di Reggio Emilia 09/12/18)
Next: Rotterdam Marathon 07/04/19
Avatar utente
Frecciadelcarretto
Guru
Utente donatore
Messaggi: 3997
Iscritto il: 4 ott 2013, 5:41
Località: Brescia

Re: [Diario] Io corro aerobico (2) e penso cardiocentrico

Messaggio da Frecciadelcarretto » 8 mar 2016, 12:31

Ariseguo pure io, pronto a immolarmi sull'altare del cardiocentrismo alla prossima mara di Brescia :mrgreen:

Ciao Marcos come va?
Dai monti al mare ed altri racconti li vedi qui http://quaglia69.wordpress.com

43h51'32" un sogno diventato realtà :cool:

Next races: BAM 42k, GRPT 98k, AMA VK2, Südtirol Ultra Skyrace 121k

FEED THE PIG :pig: scopri qui come!
Avatar utente
francescone
Guru
Messaggi: 4731
Iscritto il: 16 apr 2014, 12:25
Località: Salento-Chiavenna

Re: [Diario] Io corro aerobico (2) e penso cardiocentrico

Messaggio da francescone » 8 mar 2016, 12:32

freccia..pure Marcos è diventato cardiocentrico
PB 10k: 39'44" (Parabita 22.08.2015)
PB 21.1k: 1h 28'28'' (Sentiero Valtellina 27.09.2015)
PB 42.2k: 3h 24'03'' (Lucca Marathon 25/10/2015)
Avatar utente
Marcos
Top Runner
Messaggi: 8639
Iscritto il: 17 nov 2012, 13:53
Località: BG

Re: [Diario] Io corro aerobico (2) e penso cardiocentrico

Messaggio da Marcos » 8 mar 2016, 12:37

Cardioche ? :mrgreen:
Va bene dai, ho ripreso da due settimane e sto riassaporando le sensaizoni di un tempo. :D
PB
21k 1h22’25” (Brescia Half Marathon 10/03/19)
42k 3h04’42” (Maratona di Reggio Emilia 09/12/18)
Next: Rotterdam Marathon 07/04/19
Avatar utente
Frecciadelcarretto
Guru
Utente donatore
Messaggi: 3997
Iscritto il: 4 ott 2013, 5:41
Località: Brescia

Re: [Diario] Io corro aerobico (2) e penso cardiocentrico

Messaggio da Frecciadelcarretto » 8 mar 2016, 12:38

.
Dai monti al mare ed altri racconti li vedi qui http://quaglia69.wordpress.com

43h51'32" un sogno diventato realtà :cool:

Next races: BAM 42k, GRPT 98k, AMA VK2, Südtirol Ultra Skyrace 121k

FEED THE PIG :pig: scopri qui come!
LELLO72
Top Runner
Messaggi: 5010
Iscritto il: 20 ott 2011, 15:32
Località: giussano

Re: [Diario] Io corro aerobico (2) e penso cardiocentrico

Messaggio da LELLO72 » 8 mar 2016, 15:21

seguo anche qua
Rispondi

Torna a “Storie di corsa”