[DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Racconta le tue storie di passione & sudore

Moderatori: Doriano, Andybike, elisa udine

Rispondi
Avatar utente
piccio
Guru
Utente donatore
Messaggi: 3060
Iscritto il: 7 feb 2012, 22:49
Località: Modena

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da piccio » 30 gen 2018, 13:42

A beh, se è per questo io penso di avere poco più degli anni di mio figlio , 17!!
Il mio fisico invece mi ricorda bene dove sono.
10 km: 46.11 - Soliera 23/10/16
HM: 1.38.12 Soliera 23/10/16
2 MM, 14 HM, 8 TRI sprint, 7 olimpici, 1 duathlon
70.3 Pescara 2016

PICCIO 2.0:
1.49.42 Cremona 21/10/18
Rimini Marathon 3h 58' 11
Avatar utente
3go
Maratoneta
Messaggi: 408
Iscritto il: 16 nov 2011, 20:20
Località: Torino

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da 3go » 30 gen 2018, 14:20

@Pescanoce
23 anni ma ne dimostri 20 ;)
bello sentirti!!!!
3go
Avatar utente
Pescanoce
Ultramaratoneta
Messaggi: 1224
Iscritto il: 28 mag 2016, 12:14

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Pescanoce » 19 mag 2019, 22:04

Se alzarsi dal divano è per me sempre stato una fatica, ora che sono mamma, ora che mi sono trasferita in una città nuova dove non conosco niente e nessuno, ora che sono in prova in un nuovo lavoro, ora che una volta alla settimana lavoro a 300 km da dove abito.. alzarsi dal divano è più che una fatica. Però credo che per tutti i motivi elencati prima credo che non potrebbe che farmi bene. Non ho ancora mai ripreso seriamente, ma in fondo non ho mai smesso del tutto, qualche corsetta qua e là c’è stata. E poi prima di scoprire di essere incinta avevo preso un sacco di robette da running carine, vogliamo mica sprecarle prima che diventino capi vintage!
Gli scogli che mi hanno inchiodato al divano sono stati finora la stanchezza da neomamma, per di più spesso col marito fuori città per la settimana, i pasticci burocratici legati al trasferimento, il trasferimento stesso, e mettiamoci anche un po’ di stato d’animo negativo nei confronti di questo trasferimento di cui avrei fatto a meno.
Ora ho questi scogli, vediamo se avete suggerimenti o esperienze simili da raccontare per alleggerirli
1. Il senso di colpa verso mia figlia, perché ho paura di trascurarla. Per adesso lavoro poco, ma in futuro, quando lei andrà a nido, riuscirò a trovare uno spazio per me senza togliermi a lei? E poi nei confronti di mio marito, che non è giusto che faccia il baby sitter mentre io inseguo i miei hobby. Ok, non è il baby sitter perché è il padre, però ci siamo capiti.
2. La mancanza di motivazione. A Torino avevo trovato un bel gruppo con cui allenarmi, si stabilivano insieme degli obiettivi, si seguivano allenamenti. Quindi avevo lo stimolo degli obiettivi e lo stimolo sociale, insomma, sapevo che avrei sudato e incontrato gente simpatica. Ora, in questa città sconosciuta, in questo quartiere sconosciuto in una landa sconosciuta io che sono una povera ragazza che ha sempre, quasi sempre vissuto nello stesso conosciuto quartiere della stessa conosciuta città, mi sento un po’ sola. Quindi correre da sola non mi entusiasma. Infatti sto quasi per fare una cosa contronatura, intrinsecamente malvagia: ho adocchiato una palestra...
3. Il fatto di essere in una fase della vita così incasinata da non poter programmare nulla, figuriamoci seguire tabelle o avere una soglia minima di uscite settimanali garantite.

Insomma, c’è speranza o compro un nuovo copridivano?
But just because it burns, doesn't mean you're gonna die
You gotta get up and try, and try, and try
Avatar utente
Miro 69
Top Runner
Utente donatore
Messaggi: 13715
Iscritto il: 15 nov 2010, 11:12
Località: Fidenza (PR)

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Miro 69 » 19 mag 2019, 22:09

La seconda che hai detto :smoked:

Ciao Simona, Never Give Up :wink:
21,097 Km -1h56'07"- Garda Trentino HM 2013
29 Km -2h57'18"- Corsa del Principe 2017
42,195 Km -4h43'13"- XXXIII Firenze Marathon 2016

l'unico tempo che ti dà la felicità è quello che merita di essere vissuto.
Miro


Immagine
Avatar utente
pippotek
Guru
Utente donatore
Messaggi: 2907
Iscritto il: 3 dic 2014, 19:20
Località: Torino
Contatta:

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da pippotek » 19 mag 2019, 22:55

Ciao Pesca! Metti le scarpette e fatti 4km al parco. Aria aperta, bella stagione, sole (sì, be', magari aspetta che torni il bello). Sei tosta a sufficienza, allaccia le Trascend e vai di fondo lento a sensazione.
10k 40'06" TuttaDritta 2017
21k 1h30'18" Mezza di Varenne 2019
42k 3h18'39" Turin Marathon 2018
____________________________________
My ukulele channel:
https://www.youtube.com/channel/UCmBw_v ... tZYVdqX4Iw
Avatar utente
Scut
Guru
Messaggi: 4549
Iscritto il: 24 set 2014, 10:33

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Scut » 20 mag 2019, 0:16

Pesca, hai già visto se nella tua nuova città c’è qualche gruppo di running cui puoi aggregarti?
La domanda non è se puoi, ma se vuoi.
Avatar utente
victor76
Top Runner
Utente donatore
Messaggi: 9615
Iscritto il: 5 mag 2010, 17:57
Località: Cosenza

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da victor76 » 20 mag 2019, 10:35

Pesca, non mollare... Corri il minimo che riesci adesso che poi man mano che la bimba crescerà lei sarà meno esigente e tu troverai più tempo per te.
Io mi sento più in colpa di lasciare mia figlia quando vado a lavoro che quando vado a correre...
Di solito corro un'oretta al giorno e lo faccio, proprio per non "rubare" tempo alla figlia, mentre per il lavoro in pratica manco da casa tutto il giorno. Infatti piuttosto che allo smettere di correre penso sempre a cambiare lavoro: ne trovassi uno di mezza giornata e a meno retribuzione cambierei subito!
5 km: 21'20'' (4'16''/km) ---10 km: 43'54'' (4'23''/km)
21 km: 1h35'52'' (4'31''/km) --- 30 km: 2h39'18'' (5'17''/km)
42 km: 4h07'29'' (5'52''/km)
--- 6 ore: 48,913 km (7'22''/km)

Visita il mio Sito e leggi il mio Diario
Avatar utente
3go
Maratoneta
Messaggi: 408
Iscritto il: 16 nov 2011, 20:20
Località: Torino

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da 3go » 20 mag 2019, 10:38

welcome back ;)
daffi
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 227
Iscritto il: 15 feb 2017, 12:36

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da daffi » 20 mag 2019, 13:08

Ciao Pesca, vorrei dirti qualcosa sul primo punto (sensi di colpa verso tua figlia)... anche io sono mamma, mia figlia ha 7 anni, quindi capisco bene quello che provi, soprattutto quando i figli sono piccolissimi come la tua... se ci pensi però il tempo dedicato alla corsa non è molto, puoi approfittare di quando è al nido, o della mattina presto se tuo marito è a casa, oppure lasciarla con tuo marito in altri momenti della giornata.
Il legame mamma/figlio è fortissimo, però credo sia giusto tenere un pò di tempo per se stesse, e soprattutto è importante lasciare al padre la possibilità di godersi la figlia da solo (cosa che a me non veniva facile all'inizio, invece te lo consiglio per aiutarlo a creare con la bimba un legame profondo fin da subito...)
Avatar utente
Pescanoce
Ultramaratoneta
Messaggi: 1224
Iscritto il: 28 mag 2016, 12:14

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Pescanoce » 20 mag 2019, 20:02

Grazie mille delle risposte e grazie degli incoraggiamenti, quindi grassie soprattutto a Miro : :prrr: :)

@scut, ho provato un po’ a cercare, ma ho trovato solo un gruppo che allena principianti alle 6 di mattina, orario non compatibile con notti da dentini che spuntano :mrgreen: e comunque non troppo vicino a casa. L’unico posto vicino è una palestra di tipo classico, dove ho intravisto qualche sospetto runner in mezzo a tipi grussi e forzutissimi che mi fanno paura... eh confesso, ho fatto la lezione di prova! Lì mi hanno comunque detto che possono farmi un po’ di allenamento per riprendere un po’ di forma e muscoli e consigliarmi cosa fare quando esco a correre.

@pippo, nella mia solitaria serata torinese ieri ho fatto proprio come dicevi tu, 4 - 5 km lenta come solo io so essere. Mi hai letto nel pensiero.

@daffi e victor grazie per la vostra condivisione dell’esperienza da genitori. Credo che trovare un orario che non tolga tempo alla famiglia, come fa victor, sia la soluzione. Solo che nell’ultimo periodo non ho fatto altro che rivedere continuamente i programmi e cambiare i biglietti del treno, del tipo: stiamo a torino 3 settimane, ah no, la prossima settimana lavori anche nella nuova città ma quella dopo no, ah no, la prossima settimana non lavori nella nuova città ma quella dopo sì, con tanto di variabile impazzita del marito che si ricorda all’ultimno del convegno all’estero programmato mesi fa ma nel casino di questi mesi dimenticato. E io sono una che odia le sorprese! Imparerò così ad amarle o almeno a conviverci? Certo che no!

Daffi molto bello quello che dici su costruire un rapporto padre e figlia già in tenerissima età. Io stranamente sono stata gelosa di tutti verso la bimba, dei nonni non ne parliamo nemmeno... infatti quest’inverno avrei potuto uscire a correre ma ero troppo gelosa dei nonni, un po’ a ragione un po’ no, che sarebbero stati felici anche se mi fossi allenata per il passatore così avrebbero passato più tempo con Monica. Ma del papà non sono mai stata gelosa! Siccome non abbiamo ancora il nido, quando lavoro è proprio lui che sta con Monica, quindi mi sembra di abusare di lui se gli chiedo di stare anche con lei mentre io faccio sport. Io lavoro molto meno di lui e sto quindi con Monica di più, ma finché non trovo il modo di aiutarlo ad avere anche lui il suo spazio tutto per sé, mi sembra di approfittarne, :asd2:

Uh, le fatiche degli ultimi mesi non hanno fermato la mia vena logorroica. Un applauso e una birra :beer: per chiunque sia arrivato fino a qui! Oh, se capitate dalle mie parti ve la offro volentieri!
But just because it burns, doesn't mean you're gonna die
You gotta get up and try, and try, and try
Rispondi

Torna a “Storie di corsa”