LA FISICA, I PROIETTILI E LA TECNICA DI CORSA

Discussioni sui vari tipi di appoggio e stile di corsa

Moderatori: F-lu, elisa udine

runner 451
Novellino
Messaggi: 23
Iscritto il: 15 mar 2017, 8:40
Contatta:

LA FISICA, I PROIETTILI E LA TECNICA DI CORSA

Messaggio da runner 451 » 29 ago 2017, 8:44

Studiando per anni la tecnica migliore di corsa sono giunto a una conclusione (forse banale): non esiste uno stile univoco, perchè dovremmo essere tutti fisicamente uguali e inoltre la tecnica di corsa dovrebbe essere insegnata a tutti da bambini e adolescenti, ma così non è, molti iniziano a correre in età adulta, dopo i 30 o i 40 anni e a questo punto la postura, gli adattamenti possono essere minimi. Si deve quindi trovare un compromesso efficace tra alcune regole generali imprescindibili e la propria economia di corsa, il corpo, per quanto scoordinato o poco elegante, tende a risparmiare energie.
Spesso chi inizia a "tapasciare" o chi è soggetto ad infortuni, per la paura di esagerare o infortunarsi nuovamente, tende a "frenare" nella corsa, sceglie di correre piano, non sapendo che questo è controproducente, dato che il rallentamento nella maggior parte dei casi non è dato da una minor spinta, ma da una corsa che porta un movimento soprattutto sull'asse verticale, con un arretramento del baricentro e un maggior peso sugli arti. Insomma una buona tecnica di corsa deve essere reattiva e come ci insegna la fisica, deve avere una spinta di circa 45° rispetto all'asse orizzontale: la gittata maggiore, quindi avere il punto di caduta più lontano dal punto di lancio rispetto all'asse orizzontale si ottiene, ad esempio per il proiettile, ma anche per il giavellotto e per qualsiasi cosa che lancio, effettuando il lancio a 45°. Se siete interessati approfondisco il tema sul mio blog: in poche parole per avere la maggiore efficienza di corsa la nostra spinta, la postura del nostro corpo, dovrebbe seguire una spinta di 45°, con il baricentro all'interno del punto di caduta. Il nostro baricentro farà delle piccole parabole con angolo a 45° che, grazie all'alta frequenza, potremmo approssimare quasi ad una linea parallela al terreno.
Buone corse
Ultima modifica di Doriano il 29 ago 2017, 10:42, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: il riferimento generico al blog può essere messo in firma
http://www.runner451.it
Runner 451
Tu Corri e noi Ti Facciamo Strada
Per chi ama la corsa e per chi vuole imparare a farlo
Runner 451
Runner consapevoli e felici
Avatar utente
poco82
Top Runner
Messaggi: 5005
Iscritto il: 26 dic 2014, 22:27
Località: Crema

Re: LA FISICA, I PROIETTILI E LA TECNICA DI CORSA

Messaggio da poco82 » 29 ago 2017, 10:59

Una curiosità: Ma il tuo nick ha a che fare con Fahrenheit 451?
10k 0:41:45 10.000 di Romano 25/08/2017
21k 1:29:44 Mezza Maratona sul Brembo 06/01/2017
42k 3:18:37 Maratona di Crevalcore 06/01/2018
17 Maratone, 16 Mezze
Next: Maratona di Verona
Non mi arrendo!
strava
Avatar utente
maarco72
Top Runner
Messaggi: 8613
Iscritto il: 5 gen 2013, 10:59
Località: rho(mi)

Re: LA FISICA, I PROIETTILI E LA TECNICA DI CORSA

Messaggio da maarco72 » 29 ago 2017, 11:06

Parli della tecnica corsa di romanov?(metodo pose)
:beer: :beer: :batman:
Avatar utente
crop74
Moderatore
Utente donatore
Messaggi: 10409
Iscritto il: 28 giu 2010, 14:52
Località: Berna, Svizzera

Re: LA FISICA, I PROIETTILI E LA TECNICA DI CORSA

Messaggio da crop74 » 29 ago 2017, 11:35

runner 451 ha scritto: Insomma una buona tecnica di corsa deve essere reattiva e come ci insegna la fisica, deve avere una spinta di circa 45° rispetto all'asse orizzontale: la gittata maggiore, quindi avere il punto di caduta più lontano dal punto di lancio rispetto all'asse orizzontale si ottiene, ad esempio per il proiettile, ma anche per il giavellotto e per qualsiasi cosa che lancio, effettuando il lancio a 45°
Non è cosi' semplice. Occorre tener conto della quota di lancio, attrito dell'aria, aerodinamicità dell'oggetto lanciato. L'angolo di rilascio ottimale per un giavellotto è ad esempio compreso tra i 30°ed i 35°
Le mie maratone:
2010:Coast to Coast 2011:Berlino 2014:Zurigo, Biel, Jungfrau, Losanna, Firenze 2017:Terre Verdiane, Milano, Jungfrau, Parma, Losanna 2018: white marble, Boston 2019: Stoccolma

Best: Terre Verdiane 3h09'31"

Strava
runner 451
Novellino
Messaggi: 23
Iscritto il: 15 mar 2017, 8:40
Contatta:

Re: LA FISICA, I PROIETTILI E LA TECNICA DI CORSA

Messaggio da runner 451 » 29 ago 2017, 12:03

poco82 ha scritto:Una curiosità: Ma il tuo nick ha a che fare con Fahrenheit 451?
Prende da spunto da lì e da il nome al mio blog, perchè intanto si scrive e poi perchè 451 gradi F sono circa 232 gradi centrigradi, una temperatura altissima, necessaria per bruciare la carta. La carta un elemeno che sembra così fragile eppure così restistente, come noi runner
http://www.runner451.it
Runner 451
Tu Corri e noi Ti Facciamo Strada
Per chi ama la corsa e per chi vuole imparare a farlo
Runner 451
Runner consapevoli e felici
runner 451
Novellino
Messaggi: 23
Iscritto il: 15 mar 2017, 8:40
Contatta:

Re: LA FISICA, I PROIETTILI E LA TECNICA DI CORSA

Messaggio da runner 451 » 29 ago 2017, 12:04

crop74 ha scritto:
runner 451 ha scritto: Insomma una buona tecnica di corsa deve essere reattiva e come ci insegna la fisica, deve avere una spinta di circa 45° rispetto all'asse orizzontale: la gittata maggiore, quindi avere il punto di caduta più lontano dal punto di lancio rispetto all'asse orizzontale si ottiene, ad esempio per il proiettile, ma anche per il giavellotto e per qualsiasi cosa che lancio, effettuando il lancio a 45°
Non è cosi' semplice. Occorre tener conto della quota di lancio, attrito dell'aria, aerodinamicità dell'oggetto lanciato. L'angolo di rilascio ottimale per un giavellotto è ad esempio compreso tra i 30°ed i 35°
Vero, infatti nell'articolo approfondisco la cosa, ma è un assist al fatto che la spinta non debba essere verticale, ma in "avanti diagonale"
http://www.runner451.it
Runner 451
Tu Corri e noi Ti Facciamo Strada
Per chi ama la corsa e per chi vuole imparare a farlo
Runner 451
Runner consapevoli e felici
runner 451
Novellino
Messaggi: 23
Iscritto il: 15 mar 2017, 8:40
Contatta:

Re: LA FISICA, I PROIETTILI E LA TECNICA DI CORSA

Messaggio da runner 451 » 29 ago 2017, 12:07

maarco72 ha scritto:Parli della tecnica corsa di romanov?(metodo pose)
Beh diciamo che ci sono molte affinità, la mia opinione però è che serva un compromesso, perchè "forzare" qualcosa di consolidato può portare a nuovi infortuni. Con un'alta frequenza in ogni caso puoi comunque mantenere lo slancio (ripreso anche da Romanov), ma atterrando sempre nella parte posteriore del piede. Il tempo di impatto resta però minimo
http://www.runner451.it
Runner 451
Tu Corri e noi Ti Facciamo Strada
Per chi ama la corsa e per chi vuole imparare a farlo
Runner 451
Runner consapevoli e felici
Avatar utente
maarco72
Top Runner
Messaggi: 8613
Iscritto il: 5 gen 2013, 10:59
Località: rho(mi)

Re: LA FISICA, I PROIETTILI E LA TECNICA DI CORSA

Messaggio da maarco72 » 29 ago 2017, 12:14

Concordo sul fatto che parlando di amatori spesso che iniziano a correre in tarda età..non si può modificare totalmente una postura di corsa bisogna migliorarla dove si puo
:beer: :beer: :batman:
Avatar utente
shaitan
Guru
Messaggi: 3938
Iscritto il: 16 mag 2015, 18:36

Re: LA FISICA, I PROIETTILI E LA TECNICA DI CORSA

Messaggio da shaitan » 29 ago 2017, 12:48

runner 451 ha scritto:con il baricentro all'interno del punto di caduta.
No basta dai... c'è stato un lunghiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiissiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiimo thread qui su runningforum sulla tecnica di corsa con tanto di immagini di campioni in overstride e tallonatori sulle lunghe distanza (non ultimo re Giorgio)
Ogni sabato alle 9 ti aspettiamo a Roma Parco del Pineto per 5km cronometrati gratuiti https://www.facebook.com/romapinetoparkrun/
PB: 10k 40.19 Miguel '19 - 21.1k 1h30.27 RO '19 - 42.2k 3h32:57 Roma '19
Sogno: 200kg di stacco (per ora 185)
Avatar utente
crop74
Moderatore
Utente donatore
Messaggi: 10409
Iscritto il: 28 giu 2010, 14:52
Località: Berna, Svizzera

Re: LA FISICA, I PROIETTILI E LA TECNICA DI CORSA

Messaggio da crop74 » 30 ago 2017, 9:35

runner 451 ha scritto: Vero, infatti nell'articolo approfondisco la cosa, ma è un assist al fatto che la spinta non debba essere verticale, ma in "avanti diagonale"
Abbiamo spazio a sufficienza sui nostri server per approfondire qui il discorso. :salut:
Le mie maratone:
2010:Coast to Coast 2011:Berlino 2014:Zurigo, Biel, Jungfrau, Losanna, Firenze 2017:Terre Verdiane, Milano, Jungfrau, Parma, Losanna 2018: white marble, Boston 2019: Stoccolma

Best: Terre Verdiane 3h09'31"

Strava
Rispondi

Torna a “Biomeccanica”