Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Discussioni e domande sugli infortuni e sui metodi per superarli

Moderatori: F-lu, gian_dil, elisa udine

Rispondi
baron86
Novellino
Messaggi: 2
Iscritto il: 28 nov 2010, 18:42

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggio da baron86 »

grazie haglund per i consigli ma penso che mi opererò..anche se nn ho borsiti e il dolore sembra diverso da quello descritto da te,infatti io nn zoppico e alla mattina nn ho eccessivamente male, però dopo circa 45 minuti di lavoro in piedi inizia l'agonia...mi fa male soprattutto sotto la pianta del piede sulla parte posteriore del tallone... sn giovane e nn c'e la faccio proprio più! cmq questo problema ha iniziato circa 1 anno dopo che ho iniziato a lavorare,, giocavo a calcio da anni, mai avuti problemi e ho dovuto smettere! ho iniziato nuoto e tutt'ora lo pratico e mi da solievo dato che nn devo appoggiare i piedi!

le suolette le ho fatte 2 volte le prime in un sughero speciale francese da uno specialista che nn so se sia tecnico o podologo(cmq mi ha fatto la visita posturale e d'appoggio del piede). le seconde penso le abbia fatte un tecnico che mi ha preso la sagoma del piede su una specie di stampo..


ma secondo voi l'operazione potrebbe peggiorare la situazione? ci sn controindicazioni? alla fine mi hanno detto che è una pulizia dell'osso...

con i sintomi che ho descritto che rimedio potrei adottare prima dell'operazione che devo fare a gennaio?

grazie haglund e a voi tutti!!

e speriamo che per Natale ci portino un paio di piedi nuovi :)
Avatar utente
haglund
Mezzofondista
Messaggi: 68
Iscritto il: 26 nov 2010, 15:06

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggio da haglund »

baron86 ha scritto: grazie haglund per i consigli ma penso che mi opererò..anche se nn ho borsiti e il dolore sembra diverso da quello descritto da te,infatti io nn zoppico e alla mattina nn ho eccessivamente male, però dopo circa 45 minuti di lavoro in piedi inizia l'agonia...mi fa male soprattutto sotto la pianta del piede sulla parte posteriore del tallone... sn giovane e nn c'e la faccio proprio più! cmq questo problema ha iniziato circa 1 anno dopo che ho iniziato a lavorare,, giocavo a calcio da anni, mai avuti problemi e ho dovuto smettere! ho iniziato nuoto e tutt'ora lo pratico e mi da solievo dato che nn devo appoggiare i piedi!
figurati, baron. ci vuole solidarietà tra haglundisti.
non voglio dissuaderti dall'operarti, il piede è tuo, e ci mancherebbe pure che pretendessi di saperne di più del tuo specialista.

tuttavia i miei dubbi sono confermati: se è pur vero che dalle radiografie ti risulta il tipico sperone di haglund (a proposito, l'altro piede com'è? lo sperone è sempre bilaterale) non è detto che sia la causa del tuo problema.

Leggi qui: http://www.albanesi.it/Arearossa/Artico ... aneare.htm
e confronta la figura con la tua lastra.

a prima vista i tuoi sintomi sembrano più quelli di una fastidiosa spina calcaneare perchè:
a) non hai avuto problemi giocando a calcio, cosa molto più pericolosa per chi ha l'Haglund (la corsa è ancora peggio): i problemi infatti derivano dalla frizione tra l'osteocondrosi e l'achilleo, e stando fermi in piedi la frizione è trascurabile.
b) non hai sintomi sul "retro" (borsite) ma "sotto"
c) non hai forti dolori "a freddo" ma "a caldo"

a proposito, questa è la figura di una spina calcaneare:
http://www.ortopediachirurgica.it/info- ... _pagina=72

ma secondo voi l'operazione potrebbe peggiorare la situazione? ci sn controindicazioni? alla fine mi hanno detto che è una pulizia dell'osso...
se non hai la sindrome di haglund, l'operazione all'haglund peggiora sicuramente le cose nel senso che vai a sferruzzare pesantemente (l'operazione è invasiva) dove non serve e poi devi aspettare mesi per tornare come prima.
Quando mi sono informato, qualche anno fa, c'erano un paio di tecniche di operazione abbastanza simili, cambiava solo il punto di incisione (posteriore o laterale).
L'operazione dell'Haglund non è una semplice pulizia dell'osso: si sega via un bel pezzo di calcagno. Il rischio principale, oltre ai soliti rischi operatori standard, è che restino frammenti ossei e/o impurità nell'area inserzionale del tendine d'achille.
Funziona così.
Si incide, si sistemano o si asportano (se mal ridotte) le borse tendinee, si stacca il tendine d'achille, si sega il calcagno, si dà una pulitina, si riattacca il tendine e si richiude.
Serve tempo per riprendersi (qualche mese) sperando che i residui siano stati asportati bene tutti quanti. Altrimenti il fastidio si ripresenta e bisogna operare di nuovo.
Insomma, per i miei gusti non è una passeggiata, e l'idea di restare senza borse mi inquieta.
Qualche anno fa le possibilità di successo, con un chirurgo molto bravo, erano dell'80%. Completo successo (ripresa a buon livello dell'attività agonistica) si otteneva nel 50-60% circa dei casi.
Spero che adesso ci siano tecniche nuove, meno invasive, più efficaci e a successo garantito.
Ad ogni modo, ti consiglio di informarti circa il "piano completo" del tuo chirurgo. E' un tuo diritto sapere cosa ti stanno per fare. Non farti fuorviare dalla tipica "reticenza di casta" degli specialisti.


con i sintomi che ho descritto che rimedio potrei adottare prima dell'operazione che devo fare a gennaio?
non so che dirti perchè hai sintomi molto diversi (per certi versi opposti) a quelli tipici.
Per le spine si procede in maniera diversa rispetto all'Haglund (di solito non si opera, se non in casi estremamente gravi).
Posso solo rinnovarti il mio consiglio: al tuo posto sentirei un altro paio di specialisti prima di operarti.
Soprattuto, a me non attirerebbe l'idea di fare un'operazione inutile.

e speriamo che per Natale ci portino un paio di piedi nuovi :)
sono vent'anni che aspetto... :(
Avatar utente
haglund
Mezzofondista
Messaggi: 68
Iscritto il: 26 nov 2010, 15:06

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggio da haglund »

baron, guarda anche qua (haglund)
http://www.ortopediachirurgica.it/info- ... _pagina=71

e qua (fascite plantare, spesso collegata a spina calcaneare)
http://www.ortopediachirurgica.it/info- ... _pagina=64

in bocca al lupo
h.
Avatar utente
lumaca
Guru
Messaggi: 3349
Iscritto il: 16 nov 2010, 11:23
Località: Bergamo

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggio da lumaca »

haglund ha scritto:ciao lumaca,
in attesa che Andrea risponda, potresti raccontare al forum come hai risolto?
(ammesso che non ci sia di mezzo un segreto professionale)
grazie
h
scusami per il ritardo nella risposta, eccomi!
ho risolto solo operandomi ad entrambi i tendini d'achille, non avevo + altra soluzione, ma ti garantisco che oggi corro e non ho + nessun dolore, se ti serve altro sono qui!
baci e in bocca al lupo, non mollare!
Avatar utente
haglund
Mezzofondista
Messaggi: 68
Iscritto il: 26 nov 2010, 15:06

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggio da haglund »

grazie, L.
molto interessante avrei un mucchio di domande, te ne faccio solo alcune: quanto tempo è passato? a che livello fai attività?
come te la cavi senza le borse tendinee?
so che spesso si forma spontaneamente del tessuto intermedio per proteggere il tendine. non sempre la cosa avviene senza infiammazioni.

(mi racconteresti, se trovi il tempo, tutta la vicenda operatoria e post operatoria in dettaglio?)
Avatar utente
lumaca
Guru
Messaggi: 3349
Iscritto il: 16 nov 2010, 11:23
Località: Bergamo

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggio da lumaca »

allora.. ti dico sinceramente che ho passato + tempo cenrcando una soluzione alternativa che non operandomi e ripartire.
diciamo che dal giorno in cui mi sono fermata (ma era gia' un anno che impazzivo dal male) sono passati quasi 5/6 mesi mesi prima di incontrare l'ortopedico che mi ha operata. fatto l'intervento (prima al sinistro) dopo 1 mese, giuro, iniziavo a corricchiare 10/15 minuti. Ripartita dopo 4 mesi non ce la facevo piu' dal male nel destro e ho deciso di operare anche l'altro. Con questo c'e' voluto di +.. quasi 6 mesi per non sentire + niente.
ovviamente la ripresa è stata durissima e i dolori in ogni parte del corpo si sono fatti sentire (immaginati l'assestamento dopo 2 interventi ai piedi.. ho 11 punti da una parte e 13 dall'altra) ma ti garantisco che da allora non ci sono borse tendinee che tengano.. io non sento PIU' ASSOLUTAMENTE NULLA! nemmeno dopo una maratona. niente! faccio allenamento con i plantari e mi trovo bene, li evito solo in gara.
a che livello corro? assolutamente amatoriale. Mi alleno tutti i giorni perchè mi piace ma in maratona corro a 4:45 al km.
Poi per l'amor del cielo.. non siamo tutti uguali.. non sono qui a spingere tutti a farsi operare, non sono un medico. A me è andata veramente bene e lo rifarei ma poi ognuno ha il suo caso.
Come ti dicevo.. se hai modo di andare a Milano ti do i riferimenti della persona che mi ha operata che per me resta il numero 1, nonchè mio salvatore! Ho visto tutti gli ortopedici della lombardia, ma mi fido solo di lui!
So you can hurt, hurt me bad but still i'll raise the flag
Avatar utente
haglund
Mezzofondista
Messaggi: 68
Iscritto il: 26 nov 2010, 15:06

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggio da haglund »

Anzitutto complimenti per la forza di recupero e anche (perchè no) per i risultati.
Anche se, come dici, il tuo livello è amatoriale, è comunque un ottimo livello amatoriale.
Soprattutto per una signora (chissà perchè, davo per scontato che eri una lumaca maschile).

La tua storia è un po' diversa dalla mia, nel senso che tu hai provveduto quasi subito alla chirurgia, mentre io sono al ventesimo anno di convivenza con l'Haglund, tra alti (pochi) e bassi (praticamente sempre).
Purtroppo, nel mio caso, quand'anche risolvessi l'Haglund e potessi migliorare (difficile, ma voglio rovinarmi) di 1' a km grazie al recupero del 100% di spinta (che non ho più da quando ero ragazzo), devo comunque tener conto di alcuni fattori:
1) per il tipo di vita che faccio, non posso permettermi di "allenarmi" più di tre volte a settimana, il che significa che sono comunque destinato al fitness, più che alla corsa
2) i miei impegni familiari mal si conciliano con un decorso post-operatorio di qualche mese
3) ad una certa età e con una biomeccanica abbastanza disastrata sotto altri aspetti, sono comunque a rischio per altri infortuni altrettanto o più fastidiosi e/o definitivi.

Quindici anni fa ti avrei chiesto i riferimenti del tuo ortopedico "di corsa" :D
Oggi sono rassegnato a farmi "sverniciare" un po' da tutti.

Ma sono contento che ci sia una soluzione e che qualcuno ne sia uscito bene.
Avevo sentito, negli anni, anche un po' di esperienze negative che mi hanno frenato nell'intraprendere la soluzione chirurgica.

Grazie per il tuo racconto.
Chissà, forse stanotte sognerò di riavere la spinta completa nei piedi e di "volare" come vent'anni fa.
Se sarà così, domani mi infilerò i pattini in linea e farò una ventina di km.
Le sensazioni sono molto simili a quelle che si provano a correre senza una scimmia di nome Haglund sulle spalle...

h.
Avatar utente
lumaca
Guru
Messaggi: 3349
Iscritto il: 16 nov 2010, 11:23
Località: Bergamo

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggio da lumaca »

ci tengo a dirti una cosa... che sai benissimo anche tu
correre è fatica.. fai fatica quando non ti fa male niente.. figuriamoci quando ti fa male qualcosa..
ho tralasciato un pezzo di storia, ho avuto dolori ai tendini appena cominciato a correre costantemente.
ho sofferto di forte tendinite per almeno 4 anni, nei quali:
- laser terapia (e non ti dico quante perche' potrei finire nel guiness dei primati)
- crioterapia
- mesoterapia
- onde d'urto
- argilla
- massaggi
- puntura delle api (te lo giuro ho fatto anche questa!)
- iniezioni di bombe cortinosiche da far paura
- impacchi col riso
- di sera io e la borsa del ghiaccio avevamo una relazione seria..
niente di niente... passa al momento ma se è cronica come la nostra ti ritorna!
io mi sono operata a 27 anni e non ho mai corso forte te lo assicuro, anzi.. se mi vedi vorrere sembro un sacco di patate che rotola.. ma sai cosa mi ha fatto decidere:
LA PASSIONE!
senza corsa non esiste.. no! penso che tutto dipenda da questo.. mi sono sentita pronta a tutto per di riaverla e ce l'ho fatta. Tieni presente che post operazione ho tenuto il gesso per 1 settimana, poi tutore per un'altra settimana e quando lo molli cominci ad appoggiare il piede (con le stampelle) ma in un mese camminivo bene.
Ripeto.. l'ultima cosa che voglio è convincerti a farti operare perche' nessuno puo' sapere come ti andra'.. te la devi sentire solo tu e sicuramente hai di fronte sacrifici non da poco ma come ti ho gia' detto: lo rifarei!
So you can hurt, hurt me bad but still i'll raise the flag
Avatar utente
haglund
Mezzofondista
Messaggi: 68
Iscritto il: 26 nov 2010, 15:06

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggio da haglund »

lumaca ha scritto: ci tengo a dirti una cosa... che sai benissimo anche tu
correre è fatica.. fai fatica quando non ti fa male niente.. figuriamoci quando ti fa male qualcosa..
Si, ed è ancor più faticosa l'idea che, qualunque cosa uno si inventi, non si potrà mai essere al massimo.
In questo caso, la sofferenza dell'allenamento non trova il suo giusto compenso nel brivido che deriva dal viaggiare ai propri limiti (qualunque essi siano).
Correre con le borsiti da Haglund è un po' come essere un'automobile con le ruote sgonfie: indipendentemente dalla cilindrata, sono le gomme sgonfie a limitare la velocità.
- laser terapia (e non ti dico quante perche' potrei finire nel guiness dei primati)
- crioterapia
- mesoterapia
- onde d'urto
- argilla
- massaggi
- puntura delle api (te lo giuro ho fatto anche questa!)
- iniezioni di bombe cortinosiche da far paura
- impacchi col riso
- di sera io e la borsa del ghiaccio avevamo una relazione seria..
:shock:
non ti sei fatta mancare niente...!
ebbenesì, anch'io me la faccio con una borsa del ghiaccio, dopo ogni allenamento.
'sta storia dura talmente da tanto che abbiamo dimenticato perchè stiamo insieme. :mrgreen:
ma sai cosa mi ha fatto decidere:
LA PASSIONE!
senza corsa non esiste..
esatto, 100%.
Ecco perchè, da un bel po' di anni a questa parte, non prendo più in considerazione la chirurgia: io, bene o male, corricchio.
Con l'haglund ci convivo, riesco a tenere le infiammazioni entro livelli accettabili. La passione per la corsa è soddisfatta, la pizza extra ci scappa (quasi) sempre, si tira avanti. L'importante è non avere velleità eccessive: ogni volta che credo finalmente di poter spingere forte, mi ritrovo peggio di prima.
Quindi tu hai fatto non bene, ma benissimo, a operarti. Costretti all'immobilità dopo essere stati posseduti dal "demone" è una tortura insopportabile. A quel punto il bisturi non fa paura, è quasi un amico.
Ripeto.. l'ultima cosa che voglio è convincerti a farti operare perche' nessuno puo' sapere come ti andra'.. te la devi sentire solo tu e sicuramente hai di fronte sacrifici non da poco ma come ti ho gia' detto: lo rifarei!
ma certo, figurati.
Anzi, facciamo una cosa, magari tra un mese o un anno l'haglund potrebbe fermarmi definitivamente e a quel punto potrei riconsiderare la chirurgia, sapendo di aver a che fare con un bravo specialista che garantisce professionalità elevata. Però tra un anno forse non ci si potrebbe incontrare facilmente sul forum, ergo: mandami, se puoi, le info del caso in pvt.
Chissà, un giorno potrei trovarmi a fare la strada per Milano (e non è brevissima, abito in provincia di Roma).

grazie, lumaca, e in bocca al lupo.
se mi vedi vorrere sembro un sacco di patate che rotola..
mah, non credo, comunque, in caso, rotoli MOLTO velocemente... :D
Gianluca88
Mezzofondista
Messaggi: 93
Iscritto il: 5 ott 2010, 18:19

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggio da Gianluca88 »

Anch'io credo di avere una piccola protuberanza ossea sul piede dx, credo sia la sindrome di haglund.

Non mi crea dolore, né infiammazione però ho un problema troppo fastidioso.
Ovvero il retrocaviglia, dove c'è il tendine d'achille, sfrega irrimediabilmente contro le scarpe, ciò mi porta irritazioni e dolori alla pelle della caviglia con tante paia di scarpe.

Non trovo soluzione, aiutatemi..
Rispondi

Torna a “Infortuni e terapie”