alluce rigido

Discussioni e domande sugli infortuni e sui metodi per superarli

Moderatori: F-lu, gian_dil, elisa udine

Rispondi
anto99
Novellino
Messaggi: 10
Iscritto il: 13 set 2018, 14:07

Re: alluce rigido

Messaggio da anto99 »

Ciao,
io credo che ogni piede/intervento abbia la sua storia.
Personalmente non avevo quel male così acuto, ma sempre una dolenzia più o meno costante.
Ho fatto fisioterapia con manipolazioni e tecarterapia, ma non conosco quella macchina. Però, con un elastico
dovresti fare tu dei movimenti di flessione (sia a spingere che a tirare) in resistenza (elastico), così mi dissero.
Ora, a 5 mesi dall'intervento, l'articolazione nno mi fa male, però sotto (ossa sesamoidi) si, specie dopo anche una corsetta
di mezzora/quaranta minuti. Ma fa parte del gioco...e me lo tengo.
Dai dai che vai bene, aggiornaci!
Antonio
massimo-venz ha scritto:
17 feb 2019, 10:51
Vi aggiorno : a 12 gg dall'intervento il piede è quasi completamente sgonfio , sto' in piedi senza stampelle e con la scarpa Talus , in teoria dovrei muovere passivamente l'alluce ma quando ci provo dopo vedo le stelle . Fra una settimana inizio la Kinesi con un apparecchiatura che è come una scarpa ed ha l'alluce snodabile meccanico che mi tiene il dito in movimento , ( dovrebbe essere tipo le torture medievali ) . Tutto sommato son contento , l'unica cosa che mi lascia perplesso è che ancora non riesco a dormire senza prendere un Brufen o simile , a voi è andata così ? ( X quelli che hanno fatto l'osteotomia distale ).
massimo-venz
Novellino
Messaggi: 22
Iscritto il: 28 gen 2013, 9:36

Re: alluce rigido

Messaggio da massimo-venz »

A quasi 40 gg dall'intervento : assenza di dolori a riposo , piede sgonfio , sto facendo sedute di fisioterapia che prevedono tecar e esercizi x la mobilità e la corretta postura. La postura è la parte dolente , già prima dell'intervento la mia camminata si era modificata , trasferendo il peso sulla parte esterna del piede , adesso ancor di più . Riesco ad aver una camminata accettabile solo concentrandomi ad ogni passo , e comunque sento dolore all'alluce in fase di spinta al termine del passo. La fisioterapista dice che x essere a 40 gg sono messo bene e che x non sentire proprio più nulla passeranno ancora diversi mesi . Esercizi a pieno carico sono previsti al termine di questo mese di fisio . Ho visto le rx post intervento , sono un po' deluso in quanto speravo di vedere un generoso spazio in mezzo all'articolazione. , in realtà lo spazio libero è veramente poco , si nota invece una consistente cheiloctomia , e infatti la "cipolla" nn c'è più. Forse mi sto facendo troppe turbe , comunque mi esercito tutti i giorni e spero di tornare al lavoro al più presto . Un caro saluto a tutti ....NOI SPERIAMO CHE CE LA CAVIAMO 😁😁😁
anto99
Novellino
Messaggi: 10
Iscritto il: 13 set 2018, 14:07

Re: alluce rigido

Messaggio da anto99 »

Anche secondo me vai bene. Molto. Come ho già scritto, quando scaricano l'alluce, le atre dita si prendono più carico, io per esempio sento il secondo dito molto più "impegnato"...e l'alluce non appoggia. Anche il dolore in spinta, se penso alla mia esperienza, è normale e passerà del tempo, molto, prima che sparisca. Io ho capito che è comunque un compromesso, il piede non è nuovo, ma se migliora qualcosa...è già un successo. A luglio proverai il tuo primo walk and run e ti sembrerà di non averlo mai fatto, una figata. Il miglioramento (parlo sempre di me) è comunque una fase alterna di assenza di dolore e strani dolorini qua e là...che via via si diradano nel tempo. Dai aggiornaci e continua così!
vulk1983
Novellino
Messaggi: 10
Iscritto il: 2 mag 2018, 10:10

Re: alluce rigido

Messaggio da vulk1983 »

Ciao a tutti, vi aggiorno sul mio stato.
A 10 mesi dall'intervento di osteotomia obliqua presso Galeazzi di Milano posso dirvi che finalmente ho ricominciato a correre in palestra.
Durante la corsa avverto solo un dolorino quando il piede si scalda ma poi non sento più niente nemmeno quando finisco l'esercizio.
Faccio camminate lunghe anche in salita e non avverto dolore ne mentre ne dopo.
Riesco ad indossare scarpe più strette senza problemi.
L'alluce ha ora una fisionomia diversa da quello sano ma poco importa.....
L'unico fastidio che ancora sento è se faccio spinta totale dall'alluce ma credo che questo "fastidio" non sparirà mai...
Credo che non potrò più fare sport agonistici tipo il calcio ( l'ho praticato per 25 anni ) in quanto sono previste spinte totali e movimenti bruschi
Posso quindi ritenermi soddisfatto, finalmente riesco a camminare/correre senza dolore.
Claudio
massimo-venz
Novellino
Messaggi: 22
Iscritto il: 28 gen 2013, 9:36

Re: alluce rigido

Messaggio da massimo-venz »

Mi ricordo di te :beer: mi fa piacere sapere che hai risolto, è logico che bisogna accettare di perdere qualcosa, ma l'alternativa non sarebbe stata sicuramente migliore. Mi demoralizzo un po' quando leggo 10 mesi :oops: ma nn tutti siamo uguali e ogni alluce ha il suo grado di degenerazione.... Tanti auguri e credici! Io in una precedente operazione (devastante) ho visto i pieni progressi negli anni.....
anto99
Novellino
Messaggi: 10
Iscritto il: 13 set 2018, 14:07

Re: alluce rigido

Messaggio da anto99 »

Ciao a tutti, più o meno mi pare che abbiamo un decorso abbastanza simile e comunque positivo. io corro poco, troppo poco...(circa una volta a settimana) ma ancora, dopo la corsa sento un dolore simile ma molto più attenuato (diciamo un fastidio) al vecchio male pre intervento. il dx invece, per il quale sarei in lista a settembre, mi ricorda chiaramente cosa sia l'alluce rigido. Quest'anno però, qualche garetta di triathlon (da scarso), vorrei rifarla...vi aggiornerò! Un caro saluto a tutti e...keep on running!
MammaAnna
Novellino
Messaggi: 3
Iscritto il: 6 nov 2019, 11:29

Re: alluce rigido

Messaggio da MammaAnna »

Buongiorno.
Mi sono appena iscritta a questo forum nel quale sono incappata per caso, cercando online pareri sul postoperatorio di alluce rigido.
Non sono un’atleta ma sono sempre stata attiva per quanto riguarda l’esercizio fisico, con predilezione per gli sport aerobici.
A marzo, dopo varie visite ed accertamenti effettuati perché avevo dolore alle articolazioni fra metatarso e falange, e avere avuto il referto di alluci rigidi, ho deciso di operarmi al piede.
Ho effettuato osteotomia distale obliqua all’alluce destro.
Gasata dall’idea che avrei risolto il dolore ai piedi che avevo da anni nonostante indossassi sempre scarpe comode, speravo che, dopo i sei mesi canonici di ripresa, sarei stata bene e avrei quindi effettuato l’intervento all’altro piede.
Purtroppo invece ho ancora dolore all’alluce operato. Non è lo stesso dolore che ho all’altro, ma le fitte che sento non mi permettono comunque di avere una camminata spedita e libera come speravo.
Quindi per ora non effettuerò l’intervento all’altro piede.
Sono molto delusa, per non dire sconfortata, perché l’ortopedico mi ha detto che l’intervento per alluce rigido non è risolutivo come invece lo è quello per alluce valgo e che quindi il piede non potrà mai tornare come prima del manifestarsi dell’alluce rigido, in quanto la cartilagine era ed è consumata.
Intanto mi domando allora perché non mi ha detto prima dell’intervento che non avrei risolto definitivamente il problema del dolore, e poi mi chiedo, anzi VI CHIEDO, se c’è fra di voi qualcuno così soddisfatto dalla riuscita dell’intervento, da aver effettuato anche quello all’altro piede. Vorrei avere un barlume di speranza che l'intervento non sia stato inutile.
Ho letto un po’ di questa discussione, ma non tutto. Mi scuso quindi se il mio argomento dovesse essere ripetitivo.
Grazie per l'attenzione!
massimo-venz
Novellino
Messaggi: 22
Iscritto il: 28 gen 2013, 9:36

Re: alluce rigido

Messaggio da massimo-venz »

Ciao , Anna , purtroppo la nostra patologia è tra le più " ignoranti" perché come hai detto tu , la cartilagine non c'è più , e quella a tutt'oggi non c'é nulla che la possa rigenerare . Detto questo , secondo me tutto dipende dal grado di rigidità del tuo alluce prima dell'intervento. Qui , qualcuno ha fatto l'intervento in entrambe le dita ed è soddisfatto , io l'ho fatto solo a destra e a 10 mesi non vedo risultati anzi , il mio alluce sta collassando in valgismo e ora ho anche un problema alle unghie. Però con me il Professore era stato chiarissimo " ti consiglio l'artrodesi perché hai un grado di tipo 3 " .Io insistetti per l'arretramento . Ormai è quasi certo che il prox anno dovrò fare un altro intervento (artrodesi) e addio dolori , ma addio anche mobilità e forse anche tipo di lavoro . Ti posso solo dire che sei mesi sono pochi , quindi potresti ancora avere dei miglioramenti.
MammaAnna
Novellino
Messaggi: 3
Iscritto il: 6 nov 2019, 11:29

Re: alluce rigido

Messaggio da MammaAnna »

Massimo, ti ringrazio tanto per la risposta, anche se purtroppo non mi dai buone notizie.
Il mio grado di rigidità non è alto (parlo al presente perché ho ancora il problema all'alluce non operato) infatti nemmeno si nota a occhio, muovendolo. Il mio problema è il dolore.
Tu chiami, giustamente, l'intervento "arretramento", ed il problema infatti mi sono resa conto che è proprio quello: accorciando il metatarso, l'apparato tendineo si porta appresso anche il resto del dito, quindi lo sfregamento rimane doloroso.
Neanche a livello estetico ci si guadagna, perché se è vero che, almeno nel mio caso, si è tolto il rigonfiamento che si era creato nel tempo, ci ho guadagnato una cicatrice e uno squilibrio estetico della lunghezza delle dita. ☹️
Spero che passando il tempo mi abituerò alla nuova condizione del piede, e soprattutto il dolore diventi meno invalidante.
Grazie ancora!
fabiomax78
Novellino
Messaggi: 3
Iscritto il: 18 mag 2019, 20:54

Re: alluce rigido

Messaggio da fabiomax78 »

Salve a tutti,
ho 41 anni e corro da quando ne ho 13. Sono allo stato iniziale dell'alluce rigido (ho già fatto RM e visita dall'ortopedico dieci giorni fa). Tre settimane fa, per la prima volta in assoluto, ha iniziato a dolere il primo metatarso di un piede mentre giocavo e scattavo su un campo sintetico (ma sarebbe capitato sicuramente qualche tempo dopo).
La mia domanda è: qualcuno di voi, per risolvere il consumo di cartilagine dell'alluce rigido, si è mai sottoposto all'infiltrazione mini-invasiva delle cellule mesenchimali?

grazie mille e un saluto,
Fabio
Rispondi

Torna a “Infortuni e terapie”