periostite tibiale

Discussioni e domande sugli infortuni e sui metodi per superarli.

Moderatori: F-lu, gian_dil, elisa udine

Rispondi
simonarun
Novellino
Messaggi: 10
Iscritto il: 15 mar 2016, 11:08

periostite tibiale

Messaggio da simonarun » 15 mar 2016, 11:25

Buongiorno, ormai è da settembre 2015 che combatto con una maledetta periostite alla tibia dx. Ho provato la mesoterapia, la teca, l'osteopatia e naturalmente il riposo. Ormai è da quattro mesi che non corro ma domenica non ho più resistito: ho corso 10 min non di più; ieri ne ho corsi 20 e domani ne vorrei correre 30...ma il dolore si è ripresentato come se ci fossimo dati appuntamento! Provo dolore toccando la parte interessata come fosse un grosso livido ma non a camminare e credetemi non ce la faccio più ad aspettare.
Qualcuno di voi ha avuto un'esperienza simile? Potrebbe darmi dei consigli su rimedi realmente efficaci o su tipi di allenamento che mi permettano comunque di correre e di non restare dell'altro tempo a riposo forzato?
Grazie di avermi prestato attenzione
Mezzosfondista
Guru
Messaggi: 2483
Iscritto il: 21 nov 2013, 10:41

Re: periostite tibiale

Messaggio da Mezzosfondista » 15 mar 2016, 11:38

Ciao,
io sono incappato nel medesimo problema a luglio del 2014, ci ho corso sopra fino alla fine dell'anno e nel 2015 praticamente non ho corso. Ho ripreso dopo 8 mesi di stop a settembre 2015 e piano piano sto provando ad allungare e ad incrementare l'intensità, ma devo ammettere che appena aumento il male ritorna. In realtà devo ammettere che il male, anche durante il riposo, si era ridotto ma non era mai scomparso.
LA verità, almeno per me, è che col problema ci devo convivere e devo modulare l'intensità e i volumi coerentemente con questo aspetto, ben sapendo di non potermi permettere di correre forte come due anni fa.

Anche io ho provato cure di tutti i tipi, come te, comprese le onde d'urto ed i plantari su misura, ma con risultati piuttosto scarsi.
Ad ogni modo la questione è ampiamente soggettiva ed è fondamentale capire la causa scatenante.

Io ti consiglio di affidarti ad un bravo specialista, e di farti anche una Risonanza Magnetica (il dolore tipo "livido" lo avevo, lo ho anche io: potrebbe essere un edema osseo, come nel mio caso).
baresedoc85
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 774
Iscritto il: 17 mag 2012, 22:20

Re: periostite tibiale

Messaggio da baresedoc85 » 15 mar 2016, 11:45

1 anno e passa di stop (nel frattempo mi era anche passata la voglia di correre), il dolore però non va mai via, quindi dopo ogni uscita metto sempre il ghiaccio, devo stare attentissimo ad aumentare con estrema calma e lentezza ritmi e distanze, non far arrivare le scarpe mai a fine vita, fare tanto stretching specifico per caviglie e polpacci (ci sono tanti video su youtube) ed esercizi per rinforzare la muscolatura di quella zona

la causa scatenante è un appoggio sbagliato del piede che va a tenere sempre contratti e a lavorare male i muscoli tibiali che a loro volta infiammano il periostio della tibia

se puoi quando ritorni a correre evita superfici dure e salite/discese
simonarun
Novellino
Messaggi: 10
Iscritto il: 15 mar 2016, 11:08

Re: periostite tibiale

Messaggio da simonarun » 15 mar 2016, 12:23

Intanto grazie delle risposte, del problema scatenante un po' mi vergogno...lo scorso anno ho corso costantemente e senza infortuni con grande soddisfazione ma...mi sono accorta troppo tardi di aver "finito" le scarpe...
Mi domando: ma se con questo tipo di dolore bisogna un po' convivere, allora non sono una pazza ad insistere a correre ora? Con gradualità naturalmente anche perchè sono comunque fuori allenamento.
L'osteopata mi ha consigliato di camminare, l'ortopedico di aspettare ancora una settimana...ma io sono fuori di me...lo so che mi capite...oppure sarà meglio domani andare a fare una bella depilazione e poi cominciare con la piscina? Ihihih...ma disperata!
Mezzosfondista
Guru
Messaggi: 2483
Iscritto il: 21 nov 2013, 10:41

Re: periostite tibiale

Messaggio da Mezzosfondista » 15 mar 2016, 12:40

Guarda, io nei mesi in cui sono stato fermo avrò riprovato 5-6 volte a ricominciare: ma che non era il caso lo capivo dopo 3-400m......
Non avere fretta perché non è certo un mese in più di stop che pregiudica la tua carrierA di runner, per voler anticipare di qualche gg rischi di stare ferma altri 3-4 mesi. Puoi mantenere efficiente il sistema aerobico a livello centrale con molte altre attività: bici, nuoto, vogatore ecc.
Quando ripartirai farai fatica, ti mancherà il gesto specifico, ma se "tieni su il cuore" con queste altre attività ti assicuro che farai meno fatica a ricominciare.
E poi, convivere col "dolore" non vuol dire soffrire ogni volta che si va: una cosa è il fastidio, una cosa è il dolore....
Per me convivere vuol dire accettare magari di stare fermo un paio di gg per sfiammare dopo una seduta più intensa, vuol dire accontentarsi di correre anche 10''-15'' più lentamente di una volta, vuol dire fare un terzo dei km in meno rispetto a prima ecc., non vuol dire sopportare tutto e a qualunque costo.
baresedoc85
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 774
Iscritto il: 17 mag 2012, 22:20

Re: periostite tibiale

Messaggio da baresedoc85 » 15 mar 2016, 12:44

bisogna convivere col fastidio, assolutamente no col dolore, io per mia testardagine ero arrivato al punto che non riuscivo neanche a scendere le scale e a camminare per quanto male mi ero fatto proprio perchè correvo col dolore

torna a correre quando non avverti più dolore e fastidio durante il giorno
simonarun
Novellino
Messaggi: 10
Iscritto il: 15 mar 2016, 11:08

Re: periostite tibiale

Messaggio da simonarun » 15 mar 2016, 12:54

Siete stati molto chiari e avete centrato il punto...è che in quei pochi minuti di corsa che mi sono concessa in questi giorni ho ritrovato quella sensazione meravigliosa di cui avevo nostalgia e mi imbottirei di qualunque cosa pur di poter continuare...usando il buon senso credo di dover cambiare sport per un periodo non rinunciarci.
Grazie davvero!
Avatar utente
tomaszrunning
Top Runner
Utente donatore
Messaggi: 9573
Iscritto il: 25 apr 2013, 19:50
Località: Sarzana

Re: periostite tibiale

Messaggio da tomaszrunning » 15 mar 2016, 12:59

10K 42'48'' 01/5/14 Aulla
21K 1:35'41" 18/1/15 Torre del Lago
42K 3:30'01'' 11/2/18 Marina di Carrara
50K 4:40' 23/04/16 Sarzana in allenamento
Avatar utente
chirosro
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 152
Iscritto il: 30 dic 2015, 11:25

Re: periostite tibiale

Messaggio da chirosro » 16 mar 2016, 12:34

Detto che la periostite si presenta più frequentemente a chi ha i cosiddetti "piedipiatti" e di conseguenza, nel correre, prona, le soluzioni che credo si debbano cercare stanno nel: riposo, riposo, riposo. Se invece nonostante il dolore volete continuare a correre il consiglio che posso dare è di fare una visita da un'osteopata che vi "rimetta in pari", utilizzare scarpe non usurate di tipologia A4, fare stretching prima di partire, in particolare quello dedicato alle caviglie ed al soleo, mettere il CALDO dopo avere corso. Ultimo, ma solo in caso di assoluta necessità, l'utilizzo di farmaci di tipo FANS.
Piccola nota. Dico di fare caldo e non ghiaccio perché il ghiaccio è indicato nelle contratture, distrazioni, stiramenti..ecc..nelle prime 72 ore da quando è avvenuto il problema in quanto con il freddo (che è vaso costrittore) si evitano i gonfiori, gli edemi, mentre con il caldo, che ha la funzione opposta, si permette al corpo una funzione di drenaggio.
Garmin Forerunner 230, Hoka Clifton 4, Hoka Clayton 2, Hoka Bondi 5, Hoka Mach, Hoka Challenger ATR4

Mezza maratona 1.30.45 Trentino Garda half Marathon (2017)
Maratona 3.15.15 Reggio Emilia (2017)
https://connect.garmin.com/modern/profile/chirosro
baresedoc85
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 774
Iscritto il: 17 mag 2012, 22:20

Re: periostite tibiale

Messaggio da baresedoc85 » 16 mar 2016, 12:36

in realtà per la periostite è consigliato il freddo, proprio perchè essendo una infiammazione il freddo la blocca
Rispondi

Torna a “Infortuni e terapie”