periostite tibiale

Discussioni e domande sugli infortuni e sui metodi per superarli.

Moderatori: F-lu, gian_dil, elisa udine

Rispondi
MassiF
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 185
Iscritto il: 12 giu 2016, 12:39
Località: Leeds (UK)

Re: periostite tibiale

Messaggio da MassiF » 2 giu 2017, 9:09

Speriamo che funzioni anche per te!
Hystrix
Aspirante Maratoneta
Utente donatore
Messaggi: 150
Iscritto il: 9 ago 2015, 8:30

Re: periostite tibiale

Messaggio da Hystrix » 5 giu 2017, 22:38

Il dolore alla gamba e relativo gonfiore è localizzato soprattutto dove si vede il cerchio rosso.
Nella foto avevo i cerottoni che mi aveva messo il giorno precedente il fisioterapista, dicendomi di andare a correre per vedere se la situazione migliorava. Ebbene, ho corso venerdì mattina e oggi, lunedì, zoppico ancora...
Ho deciso di fermarmi un po', voglio che il gonfiore e il dolore spariscano, nel frattempo voglio vedere di fare un'ecografia e una visita da un ortopedico...
Vista la posizione del dolore, è periostite tibiale secondo voi?
Grazie

Immagine
Avatar utente
Iacopo
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 201
Iscritto il: 9 feb 2013, 13:42

Re: periostite tibiale

Messaggio da Iacopo » 6 giu 2017, 6:04

Mah, per la mia esperienza il dolore era molto più in basso, diciamo appena sopra al calzino. Un attimo di riposo e recupero non può che fare bene. Tieni duro, in bocca al lupo


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Avatar utente
sandrez
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 568
Iscritto il: 27 dic 2014, 16:46
Località: verona

Re: periostite tibiale

Messaggio da sandrez » 6 giu 2017, 8:16

non so se la mia fosse davvero periostite tibiale, ma a me faceva male proprio dove c'è il cerchio.
ancora oggi (luglio 2016 l'episodio sfortunato) se tocco, sulla pelle ho una sensazione di scossa e c'è un leggero rigonfiamento (rispetto l'altra gamba, nello stesso punto)

oltre al riposo attivo e ghiaccio, ho fatto una marea di stretching (che ti consiglio).
anche in fase semi-acuta sentivo subito sollievo.
come se lo stesso osso (che era il mio problema iniziale con microfrattura piatto tibiale + infiammazione zampa d'oca) venisse allungato e "scaricato di pressione" (una sensazione di sollievo rispetto alla sensazione di "oppressione" che avevo anche quando camminavo solamente)

generalmente la periostite tibiale è nella zona bassa della tibia, parte anteriore.
però ho letto in rete di casi più in alto come, forse, il mio e il tuo.

potrebbe anche essere che pure tu hai un po' la zampa d'oca infiammata e le 2 cose possano confondersi e/o sovrapporsi


EDIT.
sei pronatore o supinatore?
quando ho ripreso, trovavo sollievo nel supinare abbondantemente.
sono neutro/supinatore ma quando ho ricominciato dopo l'infortunio il piede, disabituato, tendeva a pronare e mi dava fastidio proprio in quel punto.
quando poi mi sono imposto di supinare un po' di più, sentivo più sollievo perché così facendo il peso si scarica di più all'esterno che all'interno.
ora che ho macinato un po' di km, vado senza pensarci e son tornato al mio neutro/supinare classico senza più aver problemi di scosse o sovraccarico nell'interno della tibia.

lo chiedo perché una delle cause della periostite è anche la pronazione
http://www.albanesi.it/arearossa/artico ... tite47.htm
There is nothing wrong with dedication and goals, but if you focus on yourself, all the lights fade away and you become a fleeting moment in life.
Pete Maravich
Hystrix
Aspirante Maratoneta
Utente donatore
Messaggi: 150
Iscritto il: 9 ago 2015, 8:30

Re: periostite tibiale

Messaggio da Hystrix » 9 giu 2017, 23:02

Dovrei essere neutro. Ora sono fermo da una settimana, ogni tanto camminando mi fa un po' male ma nulla di serio. Nel frattempo ho prenotato un'ecografia che farò il giorno 21. Vediamo un po' che mi dirà il medico...
mattia1234
Novellino
Messaggi: 2
Iscritto il: 28 mar 2017, 16:57

Re: periostite tibiale

Messaggio da mattia1234 » 10 giu 2017, 17:02

Ciao a tutti, anche io ho quello che sembra periostite bilaterale, anche se ecografia e TAC non hanno rivelato nulla. Son fermo da 1 anno, uso un plantare che mi son fatto fare, ho fatto due cicli di antinfiammatori e 1 di cortisone, senza aver alcun effetto anche mentre le assumevo. Dopo poco che sto solo in piedi avverto gia' un fastidio che diventa progressivamente piu' forte con il tempo. Ora ho contattato il mio fisio per chiedergli di provare a fare della Tecar e mi ha detto che secondo lei e' abbastanza inutile, dato che neanche gli antinfiammatori mi han dato giovamento. Voi che dite ? Pensavo anche a noleggiarmi la macchina per la magnetoterapia da fare a casa la notte...
fumarz
Novellino
Messaggi: 28
Iscritto il: 2 apr 2016, 13:01

Re: periostite tibiale

Messaggio da fumarz » 10 giu 2017, 17:09

:nonzo: da dicembre ho vari problemi al muscolo perineo della gamba sinistra. ad aprile, in allenamento, dopo un forte dolore che mi costringe a interrompere, vado fare un'eco e mi trovano ematoma di 8 cm di lunghezza e 2 dicm di diametro. sono passati circa 50 giorni, ma mi pare che le cose non migliorano. ho fatto la HILT poi avevo iniziato la pompaa magnetica, interrotta perché' si e rotta la macchina. Ormai la stagione e' compromessa, ma essendo iscritto alla maratona di NY vorrei riprendere ad allenarmi. più che altro vorrei capire quale e' il problema, i medici a cui mi sono rivolto non mi hanno dato una risposta chiara su che cosa e' stato e come e fra quanto guarirò. Vorrei un consiglio su cosa fare e a chi rivolgermi. Vanno bene visite sia in Toscana, che Lazio. comunque posso recarmi in qualunque alta località.
Hystrix
Aspirante Maratoneta
Utente donatore
Messaggi: 150
Iscritto il: 9 ago 2015, 8:30

Re: periostite tibiale

Messaggio da Hystrix » 21 giu 2017, 23:58

Sono stato dall'ecografista che ha deciso di non farmi alcuna ecografia, tanto non avrebbe visto nulla. Il problema secondo lui è dato da una sovraproduzione di acido lattico, e ha detto che probabilmente la responsabilità è delle scarpe troppo ammortizzate. Nel frattempo, dopo due settimane di stop, ho corso due volte in 4 giorni con le scarpe nuove, Adidas Supernova M, e al momento non ho alcun dolore, anche se il rigonfiamento rimane
siculo199
Novellino
Messaggi: 1
Iscritto il: 25 giu 2017, 15:23

Periostite.... aiutatemi voi.!!

Messaggio da siculo199 » 25 giu 2017, 16:15

Salve ragazzi, volevo raccontarvi la mia esperienza per farmi dare qualche consiglio da voi. Sono un ragazzo di 26 anni peso 73 kg per 1.74 h infortunato dal 1 mese di allenamento fine 2014 ( Atletica Pista 100 M )

Tutto inizia nel 2014
vi scrivo tutto dettagliato

Ottobre. 2014 Iscrizione Atletica
Novembre Dolori a 10 cm dalla caviglia BI-laterali
Dicembre. Visita Medico Generico Cortisone, Cambio Scarpe, riposo 3 settimane
Gennaio. 2015. Mi alleno alle prime 2 sessioni d'allenamento su superfici morbide tutto ok, dalla 3 sessione punto e a capo
Febbraio. Visita Baropodometrica Plantare..
Marzo. Svariati allenamenti con il dolore PUNTO E A CAPO
Aprile. 10 sedute da un fisio terapista TECAR ULTRASUONI ECC ECC.. RIPOSO........
Maggio Svariati allenamenti con il dolore PUNTO E A CAPO
Giugno Dal migliore fisio.. Ecc ecc mi dice che risolverò la situazione andando da lui per diversi quasi 8.... 300 chilometri al giorno e mi
vende dei plantari già preconfezionati riposo...
Luglio. Dal 2 Allenamento PUNTO E A CAPO
Agosto. STOP
Settembre. STOP
Ottobre Riinizio a Correre dopo 2- 3 sedute di allenamento PUNTO E A CAPO......
Novembre. Osteopata mi fa una manipolazione della mandibola mi dice che ho la mandibola troppo tesa e che con il Bite risolverò la situazione ma
ma prima è meglio che mi fa qualche manipolazione x Scaricare la mandibola e poi provvederemo al Bite
Dicembre. STOP
Gennaio 2016. BITE DENTALE fatto in una situazione di mandibola scarica, Bite usato tt le notti.
Febbraio 2016 Bite DENTALE anche quando corro... il dolore c'è pure non è cambiato.. e quindi PUNTO E A CAPO
-------------------DECIDO DI NON CORRERE + IL DOLORE è FORTE---------------------------
APRILE 2017 DOPO 1 anno di Bite usato sempre di notte riinizio a fare atletica al 2 allenamento sono PUNTO E A CAPO.. VADO DA un ortpedico che mi prescrive un rx al bacino e un esame baropodometrico mi dice che non vede Niente di che è che sicuramente ci vorrà un plantare migliore dato che i plantari non erano fatti apposta x il mio piede::
Sto correndo 1 volta a settimana il giorno dopo l'allenamento sento dolore dopo 5 giorni va via ma c'è sempre al tatto.. Sabato 24 giugno ho fatto una gara con pochissimo allenamento.. per provare e per mettermi alla prova.. Vorrei tanto risolvere il problema ( speriamo con questi nuovi plantare fatti su misura)
Ps- ho fatto parecchio streching e ghiaccio crioterapia e cambiate scarpe con kayano 22
Qualcuno di voi mi sa consigliare su cosa fare...??
Grazie Ragazzi
Tex1979
Novellino
Messaggi: 19
Iscritto il: 5 dic 2016, 9:02

Tibiale posteriore dolorante

Messaggio da Tex1979 » 26 giu 2017, 6:24

Buongiorno a tutti
Scrivo nel disperato tentativo di trovare una soluzione ler il problema che mi attanaglia ormai da tempo...il :cry: tibiale posteriore!
Problema arci noto e pluri trattato qui, peró a me accade qualcosa di insolito che non sono riuscito a risolvere nonostante abbia fatto 2 sedute dal fisioterapista, il quale a suo avviso sostiene che dovrei fare allenamenti piú veloci onde evitare una presunta rotazione dell'anca...
Vengo al dunque..3/4 uscite a settimana di 10km circa andatura 4:45, scarpe saucony ride 9 e/o jazz 18 (usate prima del dolore per circa 700km), dopo circa 2.5km di corsa avverto un dolore sul lato interno della tibia a circa 10cm di altezza dalla caviglia, a volte riesco a procedere altre devo per forza fare uno stop per poi riprovare a ripartire e concludere a fatica la sessione!.
Finita la sessione non avverto il minimo dolore in nessun movimento! Solo se palpo la parte interessata avverto un discreto dolore, per il resto salgo e scendo scale, cammino senza problemi etc...
N.B Le scarpe, ivi comprese quelle con 700km alle spalle, non presentano segni anomali di usura.
Spero vivamente di poter trovare una soluzione a questo problema che mi sta totalmente demoralizzando [-(

Grazie ciao Ivan
Rispondi

Torna a “Infortuni e terapie”