Acetil L Carnitina...

Discussioni su alimentazione, diete ed integratori

Moderatori: runningmamy, F-lu, grantuking, Hystrix

Avatar utente
tomaszrunning
Top Runner
Messaggi: 11122
Iscritto il: 25 apr 2013, 19:50
Località: Sarzana

Re: Acetil L Carnitina...

Messaggio da tomaszrunning »

Ok, basta OFFTOPIC
Если я скажу вам правду , мне придется убить
8)
10K 42'48'' 01/5/14 Aulla
21K 1:35'41" 18/1/15 Torre del Lago
42K 3:27'06'' 14/12/18 Pisa
50K 4:40' 23/04/16 Sarzana in allenamento
sco_run
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 211
Iscritto il: 9 set 2012, 9:12

Re: Acetil L Carnitina...

Messaggio da sco_run »

Salve1907 ha scritto:L'acetil carnitina non aiuta a mettere su massa ma potenzia la lipolisi negli sport aerobici.....dosaggio minimo die 1,5 gr circa per 30 giorni da ciclizzare

Io la utilizzo ogni 2/3 mesi , prendo circa 1,5 pre workout e devo dire che asciuga parecchio.
Uno dei miei maestri alimentari me la consigliava
Vorrei fare un ciclo anche io e mi chiedevo se va presa per 30gg di seguito o SOLO in quelli in cui ci si allena?
Domanda forse banale ma meglio chiedere... :D
Frank.
PB (per ridere):
- 7,5 km - 45 min @ 165 bpm
Avatar utente
Utente donatore
Salve1907
Guru
Messaggi: 4175
Iscritto il: 9 apr 2012, 12:20
Località: Bergamo

Re: Acetil L Carnitina...

Messaggio da Salve1907 »

@sco_run
la carnitina ha senso quando inizi un blocco di allenamenti e per 30 giorni ti allenerai si e no tutti i giorni
sco_run
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 211
Iscritto il: 9 set 2012, 9:12

Re: Acetil L Carnitina...

Messaggio da sco_run »

Perfetto. Sempre gentilissimo Salve. ^_^
Frank.
PB (per ridere):
- 7,5 km - 45 min @ 165 bpm
Avatar utente
tomaszrunning
Top Runner
Messaggi: 11122
Iscritto il: 25 apr 2013, 19:50
Località: Sarzana

Re: Acetil L Carnitina...

Messaggio da tomaszrunning »

Magari avete giá letto, se no ecco il link:
http://www.vitaminsestore.com/l-carniti ... eficiency/
10K 42'48'' 01/5/14 Aulla
21K 1:35'41" 18/1/15 Torre del Lago
42K 3:27'06'' 14/12/18 Pisa
50K 4:40' 23/04/16 Sarzana in allenamento
Avatar utente
Utente donatore
Salve1907
Guru
Messaggi: 4175
Iscritto il: 9 apr 2012, 12:20
Località: Bergamo

Re: Acetil L Carnitina...

Messaggio da Salve1907 »

@tomas
io sto provando l'abbinamento carnitina con Q10....non ho capito quanto sia efficace però mi sto allenando veramente tanto sto periodo
Avatar utente
tomaszrunning
Top Runner
Messaggi: 11122
Iscritto il: 25 apr 2013, 19:50
Località: Sarzana

Re: Acetil L Carnitina...

Messaggio da tomaszrunning »

le parole di Dr. Luca Piancastelli :
Da anni è dimostrato il ruolo fisiologico della carnitina che agisce come carrier vitamina C-dipendente facilitando il trasporto degli acidi grassi a lunga catena all’interno della matrice mitocondriale per la loro successiva ossidazione.
Per questo motivo non meraviglia affatto che in letteratura ci siano una miriade di studi atti alla dimostrazione del ruolo della supplementazione orale di L-carnitina per indurre un incremento del trasporto dei grassi nel mitocondrio della cellula muscolare, l’amplificazione della loro ossidazione, il risparmio del glicogeno muscolare e il miglioramento della performance.
Nonostante le supposizioni teoriche e l’enfasi da più parti dimostrata nei confronti della supplementazione di carnitina, si è visto che i benefici metabolici sono veramente modesti per il muscolo scheletrico durante l’esercizio fisico forse per la difficoltà di aumentare la concentrazione di carnitina muscolare in seguito all’assunzione orale.
Alcuni autori, tra cui Giamberardino (“Effects of prolonged L-carnitine administration on delayed muscle pain and CK release after eccentric effort” Int J Sports Med; 1996) hanno dimostrato invece che la supplementazione di carnitina orale a dosaggio elevato (3 g/die per 3 settimane) pur non incrementando le proprietà ossidative della cellula, riduce la concentrazione muscolare di CPK (creatina-fosfo-Kinasi) (*).
Il risultato della ricerca ha aperto una nuova strada per la supplementazione in quanto ha dimostrato che la carnitina può avere un ruolo importante nelle fasi di recupero dopo un esercizio di elevata intensità ( la CPK gioca un ruolo chiave nel ripristino dei livelli di ATP utilizzato negli sforzi acuti, quelli cioè che sfruttano un processo energetico anaerobico alattacido).
L’high intensity training è un evento stressante che genera diverse sequele biochimiche di difficile analisi che coinvolgono in prima istanza il catabolismo delle purine (derivante dalla degradazione dell’ATP, la molecola energetica per eccellenza), la formazione di radicali liberi dell’ossigeno e il danno strutturale delle membrane cellulari.
La fase eccentrica dell’esercizio (la fase che sul grafico di Hill si trova nel quadrante negativo e che equivale al punto di massimo sviluppo della forza – Fox: forza cedente) con carichi elevati determina episodi di ipossia transitoria, deplezione di ATP, spasmo degli sfinteri precapillari, accumulo di ADP e l’attivazione dell’enzima adenilato kinasi che catalizza la formazione di ATP ed AMP a partire da due molecole di ADP. L’AMP aumenta rapidamente nella cellula e viene in parte convertito al suo intermedio metabolico chiamato ipoxantina. Contemporaneamente la massiva richiesta energetica da parte del muscolo durante un allenamento strenuo e l’incapacità dell’organismo di produrre rapidamente ATP determina una discrepanza tra la richiesta effettiva di ATP e la capacità fisiologica di risintetizzarlo non solo penalizzando la prestazione ma anche riducendo la funzionalità dei sistemi ATP-dipendenti.
Il deficit di maggior rilievo è rappresentato dall’alterazione funzionale della pompa del calcio ATP-dipendente a cui consegue l’accumulo di calcio intracellulare. L’incremento del calcio funziona come un interruttore in grado di attivare delle proteasi dipendenti dal calcio(enzimi catalizzatori) che a loro volta attivano l’enzima xantina ossidasi che catalizza la formazione di xantina (da ipoxantina) e la sua trasformazione in acido urico. La cosa più importante è che tutte queste complesse reazioni utilizzano l’ossigeno come accettore di elettroni e danno luogo alla formazione di radicale superossido (radicali liberi) (“L-Carnitine L-tartrate supplementation favorably affects markers of recovery from exercise stress” Jeff Volek, et Al. Am J Physiol Endocrinol Metab 282; 2002).
Uno studio di Hellsten (“Increased expression of xantine oxydase and insulin-like growth factor I immunoreactivity in skeletal muscle after strenuous exercise in humans” ACta Physiol Scand; 1996) parla di un incremento della xantina ossidasi nel muscolo umano dopo l’esercizio come importante indice di stress.
Il radicale superossido si lega al ferro ed attacca gli acidi polinsaturi che compongono la membrana cellulare inducendo un processo lesivo (la perossidazione lipidica) che è causa diretta della rottura della membrana stessa; in seguito alla rottura della membrana si liberano nel torrente circolatorio proteine citoplasmatiche come CPK, mioglobina e FABP (proteina legante gli acidi grassi).
Accanto alla difficile comprensione delle reazioni che stanno alla base del danno cellulare indotto dall’esercizio strenuo, emerge l’esigenza di ridurre tali danni, di rendere più rapido il recupero e di migliorarne la qualità. Lo studio di Volek precedentemente citato ha lo scopo di dimostrare se la supplementazione con L-carnitina L-tartrato (LCLT 2g/die 3 settimane) può effettivamente permettere all’atleta di ottimizzare la fase di recupero. In conclusione gli autori riportano che i dati ottenuti in seguito a squat di moderata intensità propendono per un effettivo ruolo positivo della supplementazione con carnitina in quanto si sono ridotti tutti i markers relativi alla degradazione delle purine, ai radicali liberi ed al danno tissutale e si è ridotto il dolore muscolare successivo all’esercizio.
Si tratta dunque di una nuova chiave di lettura dell’utilizzo di un supplemento da tutti conosciuto o meglio misconosciuto; la carnitina dunque non come energetico o quanto mai dimagrante ma come supporto per ridurre i danni da stress fisico.
Per completezza e sulla medesima linea di lavoro, annoveriamo anche la levo-acetil-carnitina (ACL) e la levo-propionil-carnitina.
Entrambe sono conosciute da anni nel mondo medico (la prima utilizzata nelle neuropatie e la seconda come coadiuvante delle affezioni cardiache acute e croniche) oggi entrano nell’universo del fitness come farmaci-integratori. In particolare la ACL stimola il metabolismo dei neuroni e migliora la performance muscolare, rafforzandone il metabolismo.
ACL, agendo sulle aree cerebrali prefrontali, rafforza il metabolismo neuronale e favorisce la produzione di nuovi neurotrasmettitori migliorando significativamente la conduzione dell’impulso nervoso.
Per cui è giusto prendere atto e ribadire che a tutt’oggi non ci sono evidenze scientifiche che supportino la comune convinzione che la carnitina debba essere utilizzata durante gli allenamenti con finalità lipolitica, anzi sottolineo il differente orientamento della ricerca che è propensa ad indirizzarne l’utilizzo ad una popolazione di atleti di potenza.
(*) La creatinfosfochinasi svolge un ruolo fondamentale nelle funzioni energetiche cellulari. E' composta da due isoenzimi, MM e MB, concentrati soprattutto nei muscoli scheletrici, nel muscolo cardiaco e nel tessuto cerebrale. Le variazioni dei valori nel sangue originano dai muscoli. Da quanto detto si evince che qualunque insulto ai muscoli sia scheletrici che cardiaco comporta un innalzamento dei valori ematici della creatifosfochinasi. Infatti valori molto elevati sono indice sia di gravi patologie a carico dell’apparato muscolare o del cuore ma può essere indice anche di esercizio fisico intenso, di iniezioni intramuscolari e traumi muscolari. Valori normali: 10 - 70 U.I./l
10K 42'48'' 01/5/14 Aulla
21K 1:35'41" 18/1/15 Torre del Lago
42K 3:27'06'' 14/12/18 Pisa
50K 4:40' 23/04/16 Sarzana in allenamento
Avatar utente
Utente donatore
Petronio
Guru
Messaggi: 3928
Iscritto il: 2 feb 2013, 8:59
Località: Massa

Re: Acetil L Carnitina...

Messaggio da Petronio »

La assumo quando preparo la maratona. 2 g al giorno.
PB:
5 km : 19.15 (2009)
10 km: 35.49 (2013)
21 km: 1.24.50 (2007)
30 km: 2.09.12 (2012)
42 km: 2.59.13 (2014)
50 km: 5.21.20 (2007)
Avatar utente
zeromaratone
Top Runner
Messaggi: 5254
Iscritto il: 17 mar 2014, 9:17
Località: Torino

Re: Acetil L Carnitina...

Messaggio da zeromaratone »

Si, ma niente di che...
Dal 2014:15 maratone Tokyo,Londra,Chicago, Berlino,New York, PB:Pisa18 3:58:42,+1 ultra;
I miei libri: Il Passatore da zero https://tinyurl.com/yagnjave +Da 0 a 42: Preparare prima maratona https://tinyurl.com/ycn2sljz
Avatar utente
Utente donatore
Petronio
Guru
Messaggi: 3928
Iscritto il: 2 feb 2013, 8:59
Località: Massa

Re: Acetil L Carnitina...

Messaggio da Petronio »

Eh attenzione, con 2 grammi già si sollecitano abbastanza gli organi interni... verso la fine per precauzione passo alla confezione di 1 g
PB:
5 km : 19.15 (2009)
10 km: 35.49 (2013)
21 km: 1.24.50 (2007)
30 km: 2.09.12 (2012)
42 km: 2.59.13 (2014)
50 km: 5.21.20 (2007)

Torna a “Alimentazione e integrazione”