Dolori da transizione?

Moderatori: fujiko, gambacorta, gian_dil

Avatar utente
d1ego
Ultramaratoneta
Utente donatore
Messaggi: 1624
Iscritto il: 3 giu 2016, 4:40
Località: Lido di Ostia

Re: Dolori da transizione?

Messaggio da d1ego » 21 lug 2016, 5:53

Il dolore è sparito, ora mi fa male soltanto se urto il calcagno dietro in basso (inserzione). Rimane un fastidio più o meno avvertibile che è maggiore camminando scalzo per casa (cosa che ho sempre fatto) che non correndo con le ghost.
Ho fatto anche una uscitina di riscaldamento, andature e defaticamento (forse 3km totali) con delle champion alpha (tipo Nike free) senza problemi "di transizione".
Avatar utente
Semper79
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 627
Iscritto il: 27 mag 2011, 14:30
Località: Lizzola (BG)

Re: Dolori da transizione?

Messaggio da Semper79 » 21 lug 2016, 7:26

Ciao d1ego, il dolore dietro al calcagno quando lo urto ce l'ho anche io, ma non chiedermi il motivo! il mio problema (quasi 2 anni di stop) era inizialmente il sesamoide. Ho provato tutte le terapie possibili, ultrasuoni e plantari ma purtroppo senza risolvere, con questi ultimi si è trasformata in fascite, con stretching, massaggi ai piedi ed esercizi vari sono riuscito a farla "rientrare", ho ripreso a fare un pò di corsa, sempre con scarpe dal basso drop ma non estreme (4-6mm), cercando di evitare il più possibile l'asfalto.
Il mio sospetto del tallone è che sia tutto collegato al tda, che lavorando di più infiamma anche questa zona, ma è solo una mia impressione...

Ciauz
farrah24
Novellino
Messaggi: 7
Iscritto il: 8 gen 2016, 18:33

Re: Dolori da transizione?

Messaggio da farrah24 » 19 giu 2017, 20:49

Somo fermo da fine aprile per un paio di problemi, principalmente ribiale posteriore. Da un mese assieme a una persona preparata sto camminando scalzo o con fivefingers el-x; non capisco se i dolorino che sento sono per la transizione o perchè passando da 400/500 a 0 km al mese è normale avere male un po diffuso. Fastidio sotto una pianta del piede ci sta, ma oggi mi son spaventato, ho attraversato la strada di corsa (5metri) per non farmi mettere sotto da un auto e i tendini di achille duolevano come se fossero stracorti. Premetto che corro da un paio di anni con inov8 leggere (4mm drop), altra one o salomon sense ultra (4mm drop). Sono molto preoccupato e pessimista nel tornare a correre tra anni. Dopo due mesi sono già esaurito di testa.
:beer:
21km 1h15'15" Brugnera 2010
42km 2h46'57" Reggio Emilia 2015
davide32
Novellino
Messaggi: 44
Iscritto il: 24 ago 2014, 11:52

Re: Dolori da transizione?

Messaggio da davide32 » 26 giu 2017, 9:21

purtroppo correre natural comporta o dolori al tda oppure al polpaccio ..io sto combattendo con questo problema da oltre un mese mentre per un anno ho corso in vibram senza problemi..ora non so cosa sia successo ma questo piccolo infortunio me lo porto da tanto..se mi fermo dopo un po di giorni tutto passa ma se riprendo dopo 3 km riprende ..forse non sono guarito veramente bene..e a volte mi chiedo se los treaching veramente aiuta o no..addirittura ritarderebbe la guarigione x me....eccentrica..
Avatar utente
sottobosco
Guru
Messaggi: 3573
Iscritto il: 22 lug 2015, 15:47
Località: Al centro del triangolo Lariano

Re: Dolori da transizione?

Messaggio da sottobosco » 26 feb 2018, 2:02

Io sto iniziando a correre natural da pochi giorni, e dopo uno stop di 5 mesi per dolori alla schiena e mancanza di tempo ho deciso di ricominciare ma "natural" approfittando del fatto che comunque avrei dovuto riprendere con pochi km.
Siccome il tempo a disposizione è sempre poco, questi primi km li sto correndo in casa, attorno al tavolo, come se fossi in una pista di circa 20metri.
Corro scalzo ed ho aumentato gradualmente il tempo :
Prima corsa mercoledì 13 minuti (dolorini su polpacci bassi)
Giovedì 23 minuti (dolori ai polpacci un po' più acuti)
Venerdì 6 minuti (per dare tregua ai polpacci)
Sabato riposo
Domenica 32' (polpacci appena "stanchi" )

I dolori di cui sopra sono confinati nella parte bassa dei polpacci.
In attesa di condizioni meteo migliori continuo così, sono curioso di vedere se riesco ad arrivare all'ora di corsa in casa, sia come testa che come polpacci.
Cosa dovrò aspettarmi all'aumento di tempo in corsa?

Attilio
non dire gatto se non ce l'hai nel sacco, ma soprattutto non dire mulo...
Immagine Attilio
Rispondi

Torna a “Natural Running”