Transizione barefoot

Moderatori: fujiko, gambacorta, gian_dil

Bloccato
Avatar utente
Nerevar
Maratoneta
Messaggi: 491
Iscritto il: 26 feb 2016, 13:54
Località: Livorno

Transizione barefoot

Messaggio da Nerevar » 4 mar 2017, 22:48

Ragazzi, ciao a tutti.
C'è qualcuno di voi, che come me, è stato abbastanza estremista da buttare via le scarpe drop 12 e passare alla corsa direttamente a piedi nudi?

O comunque, c'è qualcuno che è stato meno estremista ed ha prima fatto la transizione verso le minimaliste vere e poi la seconda transizione verso lo scalzismo, affrontando quindi l'adattamento del piede da un punto di vista dermatologico?

Mi piacerebbe sapere se c'è qualcuno matto come me o che comunque c'è arrivato più lentamente ma che ora corre scalzo. Mi piacerebbe sapere come ha fatto per arrivarci e come ha affrontato i vari problemi che sorgono quando si tolgono le scarpe ed i nostri piedi affrontano le asperità del terreno senza nessuna protezione. Insomma, apro questo post per gli estremisti veri e puri, e per conoscere le vostre esperienze. Prima cosa.

Seconda cosa, inizio raccondandovi la mia, seppur brevissima e nuovissima, esperienza.
Come "programmino" io ho deciso di aumentare lentamente (200 m a settimana, faccio 3-4 sedute alla settimana) partendo da 1km di corsa. Corro su asfalto, senza scarpe, cercando di applicare i principi della corsa naturale e cercando di mantenermi sui 180 passi (prima mi faccio tutta una serie di esercizi per il ritmo usando il metronomo sul cell). Al momento non ho problemi muscolari, mi sto allenando bene su quel versante lì facendo allenamento funzionale e tutta una serie di esercizi di compensazione delle catene muscolari troppo deboli o troppo forti dati da un fisioterapista specializzato, oltre ai classici short foot, rinforzi dei vari muscoli del piede ecc.
Il mio problema è che mi stanno venendo, a turno, le vesciche sotto al polpastrello delle dita dei piedi. Un paio hanno già fatto un piccolo callo, ma una è scoppiata ed ho la pelle fresca esposta.

Questo non crea problemi a chi corre con le scarpe. Cioè, li crea, ma poi loro formano il callo. Chi come me corre scalzo rischia di non farci ricrescere mai la pelle, ma non vorrei perdere i "progressi dermatologici" fatti dai miei piedi in due settimane di corsa completamente scalzo.
Come si fa in questi casi? Si fascia quando fa la crosta e si va, s'aspetta a correre di nuovo? Datemi qualche consiglio...

Insomma, barefoot runner di running forum, uniamoci e sosteniamoci :mrgreen:
Riccardo :beer:
(Vincitore del Tor Des Geant 2027)
Avatar utente
tomaszrunning
Top Runner
Messaggi: 10278
Iscritto il: 25 apr 2013, 19:50
Località: Sarzana

Re: Transizione barefoot

Messaggio da tomaszrunning » 5 mar 2017, 7:30

Una volta a settimana levo le mie A3 e dopo un allenamento tradizionale faccio qualche giro di pista scalzo. Ieri ho fatto 2km. Penso di allungare la prossima volta

Ma non pensi che la discussione Barefoot già aperta non basterebbe per postare? Non sono i thread molto frequentati...

Decisione ai MODS!
10K 42'48'' 01/5/14 Aulla
21K 1:35'41" 18/1/15 Torre del Lago
42K 3:27'06'' 14/12/18 Pisa
50K 4:40' 23/04/16 Sarzana in allenamento
Avatar utente
Nerevar
Maratoneta
Messaggi: 491
Iscritto il: 26 feb 2016, 13:54
Località: Livorno

Re: Transizione barefoot

Messaggio da Nerevar » 5 mar 2017, 9:51

Se devo essere sincero, lo scalzismo è diverso dal minimalismo. Solo per il fatto che correre scalzi ha una componente a carico della pelle del piede che le scarpe ti tolgono completamente. Poi, tecnicamente, è praticamente la stessa questione, ma scalzi è completamente diverso.

Per questo, secondo me, sarebbe bello parlare delle esperienze scalzi ^_^.

Se poi i mod pensano che non sia un thread da tenere aperto, va bene lo stesso
Riccardo :beer:
(Vincitore del Tor Des Geant 2027)
Avatar utente
fujiko
Pink-Moderator
Utente donatore
Messaggi: 18065
Iscritto il: 18 set 2014, 13:54
Località: Roma - Palermo

Re: Transizione barefoot

Messaggio da fujiko » 5 mar 2017, 10:04

continuiamo nelle discussioni già aperte al riguardo, grazie.

qui chiudo
Never trouble trouble till trouble troubles you, 'cause if you trouble trouble, you'll only double trouble and trouble others, too.
Bloccato

Torna a “Natural Running”