[DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Discussioni e domande sugli infortuni e sui metodi per superarli

Moderatori: F-lu, grantuking, Hystrix, gian_dil

thesituation
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 153
Iscritto il: 9 nov 2015, 19:50

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da thesituation »

Grazie per queste dritte. Quindi per capire di aver intuito bene il discorso: scarpe neutre = drop basso o quasi a zero?
dmimmor
Maratoneta
Messaggi: 320
Iscritto il: 1 dic 2012, 16:33
Località: Roma

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da dmimmor »

Nel mio caso (lo ribadisco, perché le terapie, così come le cause da rimuovere, sono specifiche da soggetto a soggetto), il drop non venne ritenuto importante (le Mizuno Wave Enigma 4 avevano un drop 12), quanto l'assenza di qualsiasi supporto.
Il mio nuovo portale sul podismo nel Lazio e non solo ...... https://www.garepodistichelazio.it
Avatar utente
Jollyroger
Ultramaratoneta
Messaggi: 1470
Iscritto il: 10 set 2009, 12:48
Località: Cagliari

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da Jollyroger »

@thesituation: neutre=nessun supporto, né antipronazione, né antisupinazione.
Il drop non è collegato a questi aspetti, in quanto è solo espressione della differenza in mm tra tacco e punta: maggior drop=più ammortizzazione sul tallone, per l'assurdo concetto che si debba correre tallonando (causa di moltissimi problemi a tutti noi).
thesituation
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 153
Iscritto il: 9 nov 2015, 19:50

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da thesituation »

@Jollyroger
Ora capisco perche il primo ortopedico mi disse di comprare delle talloniere e il secondo ortopedico era assolutamente contrario (anche se a dire il vero io utilizzando le talloniere un minimo di sollievo lo avverto). Comunque grazie adesso è più chiaro. Quindi devo optare per delle scarpe neutre (come le Mizuno Wave Enigma 4 di dmimmor) + un drop a discrezione del tecnico/ortopedico/chicchessia. Che tra l'altro cercando nei vari siti famosi di scarpe ho visto che spesso mancano totalmente le descrizioni nel dettaglio o anche chiedendo ai commessi ne sanno spesso meno di zero e trovare una scarpa che ricalca quelle caratteristiche diventa pure difficile.
Ultima modifica di F-lu il 10 set 2018, 10:47, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Non serve quotare il messaggio precedente. E' sufficiente utilizzare "@nomeutente" per concatenare il discorso.
Avatar utente
Jollyroger
Ultramaratoneta
Messaggi: 1470
Iscritto il: 10 set 2009, 12:48
Località: Cagliari

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da Jollyroger »

Allora, premesso che non sono assolutamente un esperto, non ho titoli, sono un appassionato come te, che però si è interessato negli ultimi 2 anni al discorso "drop" e "corsa naturale" (uso le Fivefingers, o almeno ci sto provando), quello che ho capito io è che tenere sollevato il tallone non sarebbe di per se necessario, anzi, causa adattamenti negativi, per via della rotazione del bacino che avviene per compensare il fatto che il tallone stia sollevato da terra.
Anche a me hanno consigliato di tenere _sempre_ un rialzo più o meno pronunciato sotto il tallone, non solo durante la corsa, ma anche nella vita di tutti i giorni.
Alla mia richiesta di spiegarmi il perché, però, non ho ricevuto risposte esaurienti ed esaustive.
Quello che so, e che ho provato su di me, è che tenere il tallone sollevato, costringe il polpaccio a stare sempre in tensione, e il tendine d'Achille ad irrigidirsi.
Ecco perché quando si passa a drop basso o zero, bisogna andarci con calma, per dare tempo al tendine e al polpaccio di allungarsi.
Tenendo conto che la maggior parte di noi fa vita sedentaria, magari passando la maggior parte della giornata seduti ad una scrivania/davanti ad un pc, tutta la catena cinetica posteriore (glutei, muscoli posteriori delle cosce, polpacci) rimangono in tensione.
Ed è tutto collegato, perché il polpaccio si collega al tallone tramite il tendine d'Achille, e il collegamento successivo qual è? Esatto, proprio la fascia plantare.
Quindi, una tensione/rigidità/accorciamento della catena posteriore va a influenzare proprio la fascia, e può essere causa di fascite.

Tutta questa tirata (ho cercato di essere il più sintetico possibile, il discorso è vasto e mi appassiona moltissimo), per dire che non sempre ciò che ci dicono ortopedici/fisioterapisti è da prendere come oro colato.
Nel mio caso, purtroppo, c'è un po' troppa arretratezza, forse un po' di paraocchi riguardo questo discorso.
Quando ho iniziato ad avere problemi di fascite (generati da uno sperone che si è infiammato per un trauma avvenuto a piede nudo, non mentre mi stavo allenando, banalmente, e che ho stupidamente trascurato), il fisioterapista ha subito puntato il dito sulle Fivefingers (e con lui tanti amici/compagni di allenamento, il cui parere però conta come il due di picche) , sentenziando il ritorno alle scarpe ammortizzate.
Ma il dolore è sempre rimasto lì, anzi, anche adesso che è diventato un fastidio (perché sto correndo poco e niente), ogni volta che uso le scarpe ammortizzate, il dolore torna, e non solo al piede sinistro dove ho lo sperone, ma ad entrambi, con crampi che poi si estendono a polpacci, cosce ed arrivare, in alcuni casi, alla zona lombare.

Quindi ti dico: occhio a quello che ti consigliano, se puoi senti almeno due pareri.

Scusa per il romanzo.
Ciao!
Avatar utente
Cagnulein
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 905
Iscritto il: 18 giu 2015, 11:55

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da Cagnulein »

piccolo aggiornamento della mia situazione: dopo 1 settimana di NON corsa il fastidio alla mattina e alla sera è ancora lì ma mi sembra calato di intensità. ho fatto un patto con me stesso e ho giurato di non mentire a me stesso e di non correre fino a quando non avrò passato qualche giornata consecutiva senza nessun sintomo.
alekos64
Ultramaratoneta
Messaggi: 1883
Iscritto il: 22 ago 2012, 17:07

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da alekos64 »

Cagnulein
Ricorda il mio consiglio per favore : 2 mesi di stop
"Violenta" il tuo Superego e dai retta a chi purtroppo ci è passato prima da sta cosa brutta
10 Km : 40 min 36 sec
21 Km : 1 h 28 min 36 sec
30 km : 2 h 13 min 30 sec
42 km : 3 h 21 min 50 sec
50 km : 4 h 22 min 21 sec
Avatar utente
Attenov
Ultramaratoneta
Messaggi: 1014
Iscritto il: 29 giu 2015, 10:37
Località: Pomezia

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da Attenov »

Sottoscrivo. Ascoltiamoci, con grande pazienza senza affrettare I tempi.
Memento audere semper
Avatar utente
valyant
Ultramaratoneta
Messaggi: 1192
Iscritto il: 6 ago 2014, 20:30
Località: volla (NA)

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da valyant »

Da domani cambio di direzione, niente più medici e terapisti ma esercizi in palestra per riequilibrio muscolare. Ho deciso di agire su quella che potrebbe essere la causa e cioè la ridotta mobilità dell'anca [-o<
"la sofferenza produce tenacia, e la tenacia carattere, e il carattere speranza" Romani 5:4
Galletto Nero

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da Galletto Nero »

Mah, per quanto mi riguarda la causa scatenante del male è ormai ininfluente, nel senso che il tutto è scaturito sicuramente da un paio di scarpe che, al tempo, consumai all’inverosimile senza neanche lontanamente immaginare le conseguenze a cui sarei andato incontro.
Pensate che la scarpa destra (quella del piede malato) si era addirittura bucata su un lato, in corrispondenza dell’alluce. Cosa più grave, ho cominciato ad avvertire la sensazione di stare scaricando troppo verso l’interno del piede il peso del corpo; tanto che durante gli allenamenti tentavo di compensare tale squilibrio approfittando delle irregolarità del terreno per scaricare il peso sulla parte più esterna. Non so se mi spiego.
È pur vero che, fino al terribile giorno in cui tutto iniziò, non ho mai avvertito alcun dolore.

Comunque, voglio dire che ormai le scarpe che uso non sono più consumate, né accuso più alcuna sensazione di eccessiva pronazione ormai da tempo. Ora il problema insormontabile è semplicemente guarire.

Quanto a certi termini usati in questa discussione, per quanto riguardi il mio caso direi che “grande pazienza” non va assolutamente bene nel descrivere la situazione. Piuttosto bisogna parlare di rassegnazione, nel senso che non c’è più da aspettare niente, piuttosto bisogna rendersi conto che la vita è cambiata.

Giusto per non spargere troppo pessimismo, finisco confermando che i miei giri serali in bicicletta danno comunque soddisfazione. È diverso rispetto a correre - ci sono pro e contro - ma non c’è male.

Torna a “Infortuni e terapie”