[DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Discussioni e domande sugli infortuni e sui metodi per superarli

Moderatori: F-lu, grantuking, Hystrix, gian_dil

thesituation
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 152
Iscritto il: 9 nov 2015, 19:50

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da thesituation »

valyant ha scritto:
2 giu 2019, 19:58
Io sono andato a consulto (fra i tanti) anche di un primario esperto di prp (ha avuto anche mezza pagina su un quotidiano per i successi riportati nella cura della fascite con il prp). A parte la delusione personale quando mi ha detto che per me sarebbero state inutili perchè , almeno a quanto ho capito, la parte di fascia colpita non ne avrebbe giovato, mi ha proposto un piccolo taglio con un bisturi in ambulatorio. Ho rifiutato perchè non mi è sembrato molto professionale nonostante gli articoli sui giornali.

@gian_dil propongo una griglia con le esperienze di ogni partecipante da inserire a inizio pagina. Secondo me potrebbe rivelarsi utile soprattutto per chi ne soffre da poco, si potrebbero evitare tanti errori e anche risparmiare qualche soldo. Una cosa tipo:

nome/inizio fascite/fine fascite/ sintomi/cure utili/cure inutili/consigli personali

che ne dite?
Quoto di eseguire l'idea.
Per quanto riguarda la tua esperienza secondo me sarebbe anche utile scrivere dove ti è capitata.

Inoltre non voglio fare pubblicità ma proprio ieri sono incappato in un articolo del dicembre 2018, riguardante trattamenti d'elite prp a Pisa
https://www.gonews.it/2018/12/28/nuovo- ... e-cronica/

Dato che nello stesso ospedale mi sono già trovato benissimo per altri problemi in famiglia per cosa molto più gravi (perchè sono davvero 10 passi avanti) al 99% farò un tentativo.
Avatar utente
TheWall77
Maratoneta
Messaggi: 298
Iscritto il: 30 dic 2015, 14:49
Località: Reggio Emilia

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da TheWall77 »

Ciao @dmimmor

Ho appena fatto i plantari su misura dopo l'esame con pedana baropodometrica.
Li ho provati a correre e li ho uso a lavorare durante il giorno.
Ci sono pareri discordanti riguardo all'uso dei plantari x correre......alcuni specialisti dicono che non andrebbero usati per correre ma solo a camminare...
Cosa ne pensi ?
:beer:
Avatar utente
Utente donatore
gian_dil
Moderatore
Messaggi: 5715
Iscritto il: 10 mag 2012, 14:37
Località: Milano Est

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da gian_dil »

in effetti l'appoggio del piede mentre corri è diverso dal camminare (appoggio mesopiede contro rullata)....sarebbe quasi inutile secondo me, diverso il caso se sei pronatore (ma qui ci sono anche le scarpe) o supinatore.
fai correre anche tu il porcellino :pig: di Running Forum, www.runningforum.it/viewtopic.php?f=102&t=46765
dmimmor
Maratoneta
Messaggi: 302
Iscritto il: 1 dic 2012, 16:33
Località: Roma

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da dmimmor »

@TheWall77
Ciao,
personalmente i plantari per la corsa, prescritti e realizzati da un noto podologo sportivo romano, sono stati miei fedeli compagni di allenamento e gare per circa un paio d'anni e Insieme alle prp hanno rappresentato l'inizio dell'uscita dal tunnel.
Il supporto da loro offerto, oltre a rilasciare la fascia, ha di fatto modificato il mio assetto di corsa, evitandomi probabilmente anche ricadute.
Al link che segue trovi l'inizio della mia storia con i plantari :
https://www.runningforum.it/viewtopic.p ... 0#p1372207
Credo comunque che la vera differenza l'abbia fatta l'alta professionalità del podologo, perchè non si è limitato a fare più volte l'esame baropodometrico a distanza di tempo, confrontandolo con i precedenti, ma contestalmente alle visite di controllo (ne ricordo almeno 3 a distanza di un mese l'una dall'altra) mi sottoponeva anche ad una ecografia per vedere lo stato della fascia e fare aggiustementi ai plantari. Per quelli sportivi ha persino preteso che gli portassi le scarpe da running che li avrebbero ospitati!
Il mio Portale sul Podismo Amatoriale del X° Municipio di Roma e non solo ...... http://www.decimoincorsa.it
Avatar utente
labboro
Guru
Messaggi: 2083
Iscritto il: 14 nov 2010, 11:46

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da labboro »

@thesituation anche io ho provato diverse terapie e quasi nessuna ha funzionato in maniera definitiva ,ora ho fatto infiltazione di ossigeno ozono e un pelo meglio mi sembra di stare(lo spessore della fascia è sceso da oltre 6 a 4mm in settimana farò la seconda ,se non dovessi risolvere il medico mi ha prospettato le Prp come ultima spiaggia .
thesituation
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 152
Iscritto il: 9 nov 2015, 19:50

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da thesituation »

@labboro

non avevo mai sentito di infiltrazioni di ossigeno ozono. Dove le hai fatte se posso chiedere? Io ho deciso di fare queste prp a Pisa (Ospedale Cisanello). Ho prenotato per settembre
Avatar utente
labboro
Guru
Messaggi: 2083
Iscritto il: 14 nov 2010, 11:46

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da labboro »

Ho fatto l’infiltrazione da un medico a Crema in provincia di Cremona , ci sono andato su consiglio di un collega (giocatore di tennis) che soffriva anche lui di fascite e ha risolto cosi .
spero di risolvere anche io definitivamente senza dover ricorrere alle Prp (molto costose ) :D
Avatar utente
ico84
Ultramaratoneta
Messaggi: 1388
Iscritto il: 19 gen 2011, 15:57

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da ico84 »

update: a me (per fortuna) la fascite è (quasi) rientrata da sola. Alla fine la cosa che reputo (almeno nel mio caso) fondamentale è lo streching. Nei weekdays che vado in palestra, tra un esercizio e l'altro faccio streching più "spinto" che posso e non soffro minimamente di fastidi al piede.

Il venerdi che torno a casa e il sabato capita che non lo faccio e la domenica quando mi sveglio si nota subito. Infatti questa mattina mi sono alzato con un fortissimo fastidio al piede destro.
_____________________________________________________________________

my results https://goo.gl/FECbuw
my Strava https://www.strava.com/athletes/25969616
Avatar utente
Riky
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 236
Iscritto il: 10 lug 2016, 9:15
Località: Bologna

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da Riky »

morfeo68 ha scritto:
9 set 2018, 8:35
scarpe per supinatori non ci sono
Purtroppo esistono sia per supinatori che per pronatori, ma in entrambi casi sono, a mio umile avviso, da evitare, prediligendo assolutamente una scarpa neutra alla quale venga abbinato il giusto plantare: le possibilità che scarpe costruite in serie possano correggere difetti i quali sono soggettivi a livelli estremi sono praticamente infinitesimali.
Avatar utente
Riky
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 236
Iscritto il: 10 lug 2016, 9:15
Località: Bologna

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Fascite plantare 3

Messaggio da Riky »

Jollyroger ha scritto:
10 set 2018, 1:13
Allora, premesso che non sono assolutamente un esperto, non ho titoli, sono un appassionato come te, che però si è interessato negli ultimi 2 anni al discorso "drop" e "corsa naturale" (uso le Fivefingers, o almeno ci sto provando), quello che ho capito io è che tenere sollevato il tallone non sarebbe di per se necessario, anzi, causa adattamenti negativi, per via della rotazione del bacino che avviene per compensare il fatto che il tallone stia sollevato da terra.
Anche a me hanno consigliato di tenere _sempre_ un rialzo più o meno pronunciato sotto il tallone, non solo durante la corsa, ma anche nella vita di tutti i giorni.
Alla mia richiesta di spiegarmi il perché, però, non ho ricevuto risposte esaurienti ed esaustive.
Quello che so, e che ho provato su di me, è che tenere il tallone sollevato, costringe il polpaccio a stare sempre in tensione, e il tendine d'Achille ad irrigidirsi.
Ecco perché quando si passa a drop basso o zero, bisogna andarci con calma, per dare tempo al tendine e al polpaccio di allungarsi.
Tenendo conto che la maggior parte di noi fa vita sedentaria, magari passando la maggior parte della giornata seduti ad una scrivania/davanti ad un pc, tutta la catena cinetica posteriore (glutei, muscoli posteriori delle cosce, polpacci) rimangono in tensione.
Ed è tutto collegato, perché il polpaccio si collega al tallone tramite il tendine d'Achille, e il collegamento successivo qual è? Esatto, proprio la fascia plantare.
Quindi, una tensione/rigidità/accorciamento della catena posteriore va a influenzare proprio la fascia, e può essere causa di fascite.

Tutta questa tirata (ho cercato di essere il più sintetico possibile, il discorso è vasto e mi appassiona moltissimo), per dire che non sempre ciò che ci dicono ortopedici/fisioterapisti è da prendere come oro colato.
Nel mio caso, purtroppo, c'è un po' troppa arretratezza, forse un po' di paraocchi riguardo questo discorso.
Quando ho iniziato ad avere problemi di fascite (generati da uno sperone che si è infiammato per un trauma avvenuto a piede nudo, non mentre mi stavo allenando, banalmente, e che ho stupidamente trascurato), il fisioterapista ha subito puntato il dito sulle Fivefingers (e con lui tanti amici/compagni di allenamento, il cui parere però conta come il due di picche) , sentenziando il ritorno alle scarpe ammortizzate.
Ma il dolore è sempre rimasto lì, anzi, anche adesso che è diventato un fastidio (perché sto correndo poco e niente), ogni volta che uso le scarpe ammortizzate, il dolore torna, e non solo al piede sinistro dove ho lo sperone, ma ad entrambi, con crampi che poi si estendono a polpacci, cosce ed arrivare, in alcuni casi, alla zona lombare.

Quindi ti dico: occhio a quello che ti consigliano, se puoi senti almeno due pareri.

Scusa per il romanzo.
Ciao!
Quotone al cubo! E spero nel frattempo tu abbia provveduto a rimuovere con successo lo sperone osseo :thumleft:

Torna a “Infortuni e terapie”